La Camera di Deputati ha approvato, non senza polemiche, il disegno di legge del Governo di Riforma Costituzionale che ora torna in Senato.
Le principali modifiche apportate alla Costituzione riguardano il superamento del bicameralismo perfetto, per cui il Parlamento continuerà a essere formato da Camera dei Deputati e Senato della Repubblica, ma i due organi avranno composizione e funzioni diverse.

Inoltre, per quel che riguarda il Titolo V della Costituzione, si prevede la soppressione delle previsioni costituzionali relative alle province, e una nuova ripartizione delle competenze legislative tra Stato e Regioni con una redistribuzione delle materie tra competenza esclusiva statale e competenza regionale.

Approfondisci il DDl di Riforma Costituzionale

Tiziana Musicco
Classe '88, laureata in Filosofia. Da pugliese doc la "e" è il mio difetto ma la "o" la sto migliorando! :) Le mie due passioni, la filosofia e la danza classica, mi hanno portato a Roma e a conseguire qui un master in Marketing e Management. A Cittadinanzattiva mi occupo di Relazioni Istituzionali. La frase che più mi contraddistingue è: "il possibile si colloca più in alto dell'attuale.” (Martin Heidegger)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.