antitrust su automobili

I fuochi d’artificio di inizio anno dell’AGCM – l’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato – non lasciano indifferenti il pubblico dei consumatori.
Il primo, pochi giorni fa. Il Garante ha sanzionato sonoramente per ben 678 milioni di euro otto case automobilistiche e le loro banche operanti in Italia, in testa Fca, Bmw, Volkswagen, Ford e General Motors. Il motivo? Aver fatto cartello per 14 anni, tra il 2003 e il 2017, sui finanziamenti per l’acquisto delle vetture, cioè sui prestiti per chi acquista l’auto a rate. 
In estrema sintesi, si rappresenta che le parti abbiano condiviso un set informativo completo, concernente prezzi e politiche commerciali, al fine di adeguare l’offerta rivolta al pubblico eludendo così il sistema concorrenziale.

Le informazioni scambiate sono relative a variabili sensibili nella fissazione delle condizioni per la concessione di finanziamenti e leasing (prezzi applicati, TAN minimo, medio e massimo e TAEG, spese di istruttoria e di apertura pratica, importo minimo e massimo del finanziamento).

La sanzione record, promettono le case automobilistiche e i gruppi bancari di appartenenza cui sono legati i finanziamenti, sarà oggetto di ricorso al TAR.

Il secondo colpo messo a segno dall’AGCM , è in data nove gennaio. All’esito di un procedimento afferente condotte abusive ed escludenti dei concorrenti, i gruppi Enel e Acea sono stati sanzionati complessivamente per 109 milioni di euro. A giudizio dell’Autorità avrebbero utilizzato i consensi privacy per realizzare una dichiarata politica di “traghettamento” volte a far stipulare ai propri clienti un nuovo contratto sul mercato libero. Anche contro questa decisione è previsto l’appello.

Per approfondire, il comunicato stampa su la liberalizzazione vendita di energia elettrica: sanzionati con complessivi 109 mln euro i gruppi Enel e Acea per condotte abusive ed escludenti dei concorrenti e il comunicato stampa sulla vendita auto tramite finanziamenti.



Classe '86, nato a Roma, studi universitari a Parigi che culminano con la laurea in legge. Si definisce "feliciclista" urbano, ha incontrato Cittadinanzattiva lungo la sua strada percorrendola...per aspera ad astra!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.