lotta alla contraffazione

Ogni anno, l’EUIPO - l'Ufficio dell'Unione europea per la Proprietà Intellettuale, pubblica un documento che presenta lo “stato dell’arte” sul diritto della proprietà intellettuale (PI). Lo stesso protegge i diritti di coloro che sono titolari di una creazione o di un prodotto, come un artista o una casa di moda.

I dati presentati riscontrano che il contributo fornito dalle società che registrano e proteggono i propri prodotti rappresenta circa il 42 % del PIL dell’UE. Seppure i numeri siano importanti, la lotta alla contraffazione tesa a tutelare il commercio da chi riproduce illegalmente prodotti protetti, produce ancora scarsi risultati. Fino al 6,8 % delle importazioni dell’UE, ossia 121 miliardi di EUR l’anno, è costituito da prodotti contraffatti.

I motivi del dilagare del commercio in nero sono le sentenze clementi e gli elevati ritorni economici uniti all’evolversi della tecnologia e dei canali di distribuzione che rendono semplice la diffusione dei prodotti contraffatti. Ma anche i consumatori hanno le loro colpe. L’atteggiamento dei cittadini europei è debole di fronte al prodotto che viola il diritto della proprietà intellettuale perché il prezzo e la facile accessibilità rendono il mercato appetibile.
Tra le azioni prese a livello europeo per contrastare il fenomeno, figurano, tra l’altro, fornire ai titolari dei diritti informazioni sul mutevole panorama delle violazioni e collaborare con Europol per offrire risposte più ampie alla criminalità.

Per saperne di più

Classe '86, nato a Roma, studi universitari a Parigi che culminano con la laurea in legge. Si definisce "feliciclista" urbano, ha incontrato Cittadinanzattiva lungo la sua strada percorrendola...per aspera ad astra!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.