citofono

Secondo l’interpretazione della Commissione Tributaria della Puglia che, con una recente sentenza ha accolto il ricorso di un contribuente contro un atto notificatogli dall’Agenzia delle Entrate, l’avviso di notifica del deposito alla casa comunale, perché sia valido, deve essere affisso solo sulla porta dell’abitazione del destinatario e non su altre parti come ad esempio il portone del palazzo.

Nel caso specifico, il nome del destinatario non era reperibile sul citofono, ragione per cui l’ufficiale giudiziario per la notifica dell’atto, ha ritenuto legittimo affiggere l’avviso nell’atrio dello stabile. I giudici della commissione Tributaria però hanno ritenuto assolutamente nulla la notifica dell’atto.

Approfondisci su La legge per tutti

Metà campana metà romana, poliedrica, e alla continua ricerca del bello nella fotografia e nell’arte attraverso i suoi quadri. Da 10 anni impegnata in Cittadinanzattiva, sempre in difesa e a tutela dei cittadini, in particolare per l’area consumatori e le politiche della conciliazione. Il suo motto è ”Il mondo non è di chi si alza presto la mattina, ma di chi si alza felice di iniziare una nuova giornata

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.