Il prossimo luglio gli utenti del servizio radio televisivo dovrebbero ricevere la bolletta elettrica anche con la parte relativa al canone Rai, ma sarà rispettata tale data? Il Consiglio di Stato è stato, infatti, chiamato a esprimersi sulla questione prima della promulgazione dell'atto normativo, e con un parere ad hoc, ha rilevato diverse mancanze e criticità. Tra tutte, quella più palese afferisce alla assenza di un “qualsiasi richiamo ad una definizione di cosa debba intendersi per apparecchio televisivo”.

Considerata l'era digitale in cui viviamo e la disponibilità sul mercato dei più disparati modelli di device per la ricezione dei programmi televisivi, come smartphone, tablet, pc, precisare che il canone di abbonamento Rai è dovuto solo a fronte di uno o più apparecchi televisivi in grado di ricevere il segnale del digitale terrestre o satellitare, secondo il Consiglio di Stato avrebbe costituito un elemento di informazione utile per fare chiarezza in relazione agli obblighi degli utenti del servizio televisivo. Come andrà a finire? Sarà fatta maggiore chiarezza sulla questione?

Approfondisci su il Sole24ore

Metà campana metà romana, poliedrica, e alla continua ricerca del bello nella fotografia e nell’arte attraverso i suoi quadri. Da 10 anni impegnata in Cittadinanzattiva, sempre in difesa e a tutela dei cittadini, in particolare per l’area consumatori e le politiche della conciliazione. Il suo motto è ”Il mondo non è di chi si alza presto la mattina, ma di chi si alza felice di iniziare una nuova giornata

Condividi

Potrebbe interessarti

Stai parlando con SUSI
Realizzato nell'ambito del progetto Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino, finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018)

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.