europa sanità

Uno studio, commissionato dal Parlamento europeo, offre una panoramica dei benefici dell'azione della UE nei settori: programma sanitario, sanità transfrontaliera, regolamentazione farmaceutica, dispositivi medici, prevenzione e vaccinazione. Per ciascun argomento vengono illustrati il relativo background, la cornice legislativa e gli strumenti di politica, fornendo esempi delle migliori pratiche.

Il valore aggiunto apportato dall'azione della UE è stato analizzato rispetto a otto criteri:economie di scala;

  • libera circolazione delle persone;
  • minacce transfrontaliere;
  • promozione delle migliori pratiche;
  • messa in rete;
  • benchmarking per prendere le decisioni;
  • sblocco del potenziale di innovazione;
  • implementazione della legislazione dell'UE.

L'analisi dimostra che, entro i limiti posti dai Trattati dell'UE in materia sanitaria, l'Unione assolve alla sue responsabilità ed utilizza la sua capacità di agire in favore dei cittadini europei nello specifico settore.
Lo studio inoltre conclude che la politica sanitaria dell'UE apporta un effettivo valore aggiunto e le misure di politica sanitaria finora prese hanno apportato elevati e significativi benefici ai cittadini europei, alle economie e agli stati membri.

Leggi il documento.

Romana, classe '80. Arrivata a Cittadinanzattiva direttamente dal Master in comunicazione pubblica e istituzionale de La Sapienza nel 2006. Si è occupata di relazioni istituzionali e ora coordina il networking tra le associazioni che animano la rete europea Active Citizenship Network.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.