equitalia

Con la sentenza n. 471/18 il Giudice di pace di Cosenza si è pronunciato a favore di una cittadina, emblema del contribuente in lotta, con l’Agenzia delle Entrate Riscossione (Equitalia). La controversia aveva ad oggetto la riscossione di alcune cartelle esattoriali, riferite ad asseriti mancati pagamenti di contravvenzioni a cui la cittadina si è opposta con il suo Team legale.

La signora ha eccepito la mancata notifica delle cartelle, nonché la decadenza e prescrizione del credito vantato dall’Agenzia e il Giudice si è pronunciato a suo favore stabilendo che, indipendentemente dalla preventiva notificazione della cartelle, deve essere sempre valutata la fondatezza della pretesa del credito. Nel caso di specie,  non era stata fornita valida e sufficiente prova dell’inizio dell’azione esecutiva e di nessun atto interruttivo nei confronti del contribuente. Approfondisci

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.