processo copy copy

E’ partita lunedì 9 marzo scorso la protesta proclamata dall'Unione nazionale giudici di pace (Unagipa), che si concluderà venerdì 13 marzo e che vede l' adesione di tutte le principali organizzazioni di categoria, per protestare contro il disegno di riforma della magistratura onoraria e della Giustizia di Pace presentato dal Ministro della Giustizia Orlando ed attualmente all' esame del Senato.

Un' intera settimana di stop dunque, in cui si fermeranno tutte le attività giudiziarie creando non pochi disagi per i cittadini con le udienze programmate in questo arco di tempo. Diverse le motivazioni alla base della protesta, tra cui in particolare la chiusura delle sedi, l’incremento continuo delle tasse e l’introduzione di nuovi “balzelli” e ostacoli sulle cause di minor valore: per i giudici di pace questo contribuisce a demolire la Giustizia e a trasformarla in un affare riservato alle classi sociali agiate. Leggi la notizia.

 

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.