Il quotidiano d'informazione e cultura sul mondo delle carceri italiane, redatto dagli stessi detenuti, rischia di chiudere. La causa è da ricercare nella crisi economica che ormai affligge il nostro Paese e che ha fatto diminuire di molto i contributi pubblici nell'ambito del sociale ed anche gli abbonamenti al quotidiano di informazione, causando gravi problemi di liquidità.

Ristretti Orizzonti è un servizio di informazione da cui non si può prescindere, anche per la finalità umana che persegue, perché permette agli stessi detenuti di essere parte attiva: perché di carcere si deve sapere, discutere, riflettere. E su questo fronte anche per Cittadinanzattiva il quotidiano rappresenta non solo una fonte di notizie importanti ma un vero e proprio progetto di inclusione sociale, anche in linea con l'impegno che da anni la rete Giustizia per i Diritti pone in essere in ambito carcerario, per la tutela dei diritti, in particolare sul terreno del ripristino della legalità nelle carceri.

Leggi l’appello.

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.