5x1000 dichiarazione dei redditi

Il 18 aprile prossimo riprenderà il processo a carico di Maurizio Venafro e Mario Monge, uno dei filoni della maxi inchiesta “Mafia Capitale”. I due, rispettivamente ex dirigente della cooperativa Sol.Co. ed ex capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio, rispondono dell’accusa di turbativa d’asta in merito alla gara d’appalto del servizio Recup, il centro unico di prenotazione della sanità laziale.  

I giudici del Tribunale di Roma hanno accolto anche per questo processo la costituzione di parte civile presentata da Cittadinanzattiva legittimata, a differenza di altri soggetti, per le attività che pone in essere, distinguendosi tra le organizzazioni della società civile per l'impegno concreto nella lotta alla corruzione e contro gli sprechi della pubblica amministrazione. Si tratta dell’ ennesimo riconoscimento in capo all’Associazione, già ammessa come parte civile nel maxi processo di Mafia capitale e come unica associazione costituita nel processo nei confronti dell’ex sindaco di Roma, Alemanno.  Approfondisci

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.