spreko 2015 02 13

Nuova assoluzione per i medici dell'ospedale Sandro Pertini dove Stefano Cucchi è morto il 22 ottobre del 2009 dopo un ricovero di cinque giorni. La terza Corte d'Assise d'Appello di Roma, nel quarto processo per la morte del giovane, ha scagionato dall'accusa di concorso in omicidio colposo i medici dell’ospedale perché il fatto non sussiste.

Il procuratore generale aveva chiesto quattro anni di carcere per il primario all'epoca dei fatti e tre anni e sei mesi per gli altri quattro medici imputati. Grande la delusione ed il rammarico per la famiglia di Stefano e per Cittadinanzattiva, costituitasi parte civile nel processo e rappresentata dall’avv. Stefano Maccioni della rete Giustizia per i Diritti, a sostegno dei familiari: attendiamo di leggere le motivazioni della sentenza per capire se effettivamente, secondo i Giudici, non si sia potuta accertare la causa della morte. Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.