Il coordinamento territoriale dei Garanti dei diritti dei detenuti ha inviato al Presidente della Repubblica un appello affinché la tortura diventi reato nell’ordinamento italiano.

“Faccia valere la sua autorevolezza e le sue responsabilità istituzionali. La comunità internazionale da decenni ci chiede l’adempimento dell'impegno assunto con la ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura”: questo uno dei passaggi dell’appello rivolto a Mattarella, che arriva dopo l’ennesimo insabbiamento del disegno di legge per l’introduzione del reato di tortura alla sua terza lettura parlamentare.

Approfondisci qui la notizia e leggi l’editoriale di Laura Liberto, coordinatrice nazionale di Giustizia per i Diritti di Cittadinanzattiva.

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.