giudici di pace

Udienze a rischio e grandi disagi per i cittadini e gli utenti per la mole di processi rinviati a causa dello sciopero iniziato lo scorso 22 novembre e che proseguirà fino al 25 prossimo, a cui hanno aderito Pubblici Ministeri e Giudici di Pace.

Dunque, cinque giorni di astensione dalle udienze civili e penali: la magistratura onoraria ha deciso di incrociare le braccia nei tribunali, negli uffici del giudice di pace e nelle procure delle sedi storicamente più attive, tra cui Roma e Milano, paralizzando di fatto l’attività giudiziaria, in segno di protesta contro la riforma del Governo, contestando la legge delega di riforma della categoria, approvata lo scorso aprile e ora all’esame di Bruxelles, che ha già avviato una procedura preliminare d’infrazione contro l’Italia. Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.