L'Associazione Italiana per lo Studio del Dolore apre i lavori del suo 38° appuntamento annuale, il 28 maggio a Bari. Molti gli argomenti che saranno approfonditi: dalla componente depressiva del dolore al trattamento farmacologico del dolore neuropatico fino ai più svariati aspetti del dolore cronico, dal dolore nell’anziano a quello oncologico; dall’uso dei cannabinoidi fino agli ultimi sviluppi fisiopatologici, e le più avanzate ricerche sui substrati molecolari del dolore, che possono rappresentare una base per lo sviluppo di nuovi analgesici.

«In qualità di attuale presidente dell’AISD – ha dichiarato la prof. Caterina Aurilio - ho pensato di porre al primo posto la formazione con l’istituzione di un Master in Terapia del Dolore e Cure Palliative, che la Legge 38 impone per la formazione specifica in tale ambito. E in attesa della creazione di una scuola di specializzazione in medicina del dolore ho richiesto al Ministro dell’Università, Prof. Gelmini, di aggiungere alla Scuola di Specializzazione di Anestesia e Rianimazione anche la dizione “Terapia del Dolore”, così come è indicato in ambito europeo dalla UEMS (Union Européenne des Médicins Spécialistes) e questa richiesta è stata accolta. I relatori sono tutti scienziati e clinici esperti nel loro campo, ma ampio spazio è stato riservato ai giovani ricercatori. Anche quest’anno è stato promosso il Concorso “AISD per i giovani”, saranno premiati due lavori scientifici pubblicati nel 2014, di cui uno su argomenti di ricerca clinica e uno su argomenti di ricerca di base, nell’ambito della medicina del dolore. I premi di 2.500 euro l’uno, saranno messi a disposizione dalla Fondazione Paolo Procacci onlus.»
Consulta il programma del Congresso sul sito internet AISD e leggi il comunicato di presentazione

Salvatore Zuccarello
Siciliano, classe ’81, si laurea a Roma in Comunicazione. Dal 2008 in Cittadinanzattiva, si occupa settimanalmente della newsletter.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.