Con la Determina 1267/2015 (“Rinegoziazione del prezzo di rimborso dei medicinali per uso umano a carico del Servizio sanitario nazionale, nell'ambito di raggruppamenti di medicinali terapeuticamente assimilabili”) l’Agenzia Italiana del Farmaco stabilisce i nuovi prezzi e separa i farmaci coperti da brevetto da quelli che non lo sono più e per cui, quindi, è presente un equivalente. Il risparmio atteso per il sistema sanitario sarebbe di 500 milioni di Euro annui, e sono previste nuove indicazioni anche per i farmaci biotecnologici.

Approfondisci il tema consultando la Gazzetta Ufficiale con il testo della Determina e la stampa digitale.



Salvatore Zuccarello
Siciliano, classe ’81, si laurea a Roma in Comunicazione. Dal 2008 in Cittadinanzattiva, si occupa settimanalmente della newsletter.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.