Allo scopo di migliorare la consapevolezza dei rischi legati all’uso del principio attivo Valproato in gravidanza, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha concordato con le aziende titolari dei medicinali a base di questo principio attivo, la distribuzione di nuovi materiali informativi per gli operatori sanitari e le pazienti e l’inserimento di una specifica avvertenza sul confezionamento esterno dei prodotti medicinali a base di Valproato.

AIFA ricorda che il Valproato non deve essere prescritto alle bambine, alle adolescenti, alle donne in età fertile o in gravidanza, a meno che non sia strettamente necessario, quando altri trattamenti abbiano dimostrato di essere inefficaci o non siano stati tollerati.

Il materiale informativo di cui sopra è composto da una Guida per gli Operatori Sanitari, un Opuscolo Informativo per le Pazienti, un Modulo di Accettazione dei Rischi e un Promemoria per le pazienti

Per leggere le raccomandazioni è possibile accedere direttamente alla pagina di riferimento AIFA

Salvatore Zuccarello
Siciliano, classe ’81, si laurea a Roma in Comunicazione. Dal 2008 in Cittadinanzattiva, si occupa settimanalmente della newsletter.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.