taglio sanita

"Dopo un primo confronto sulla centralizzazione degli acquisti in sanità" - analizza Tonino Aceti, responsabile nazionale del Tribunale per i diritti del malato - è positivo che "ci sia una generale convergenza dei diversi attori su una serie di questioni".

"Anziché contrastare il concetto di centralizzazione - spiega Aceti - oggi è strategico “governarlo e guidarlo” nella sua implementazione, al fine di rimettere con forza al centro la salvaguardia dei diritti dei pazienti. [...] Il rischio è quello che diventi ancor di più uno strumento prevalentemente finalizzato al contenimento/razionamento della spesa pubblica, anziché ad una sua qualificazione e al miglioramento dell’assistenza resa ai cittadini".
"C’è bisogno innanzitutto di “competenze” - quelle dei cittadini/pazienti e dei professioni della sanità, cioè di coloro che ricevono ed erogano ogni giorno le cure garantite dal Ssn - e di quelle del mondo delle imprese».

Leggi sulla pagina web del Sole24Ore Sanità, e approfondisci su un altro spazio online apposito.

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.