I dirigenti delle scuole del Sud contestano i progetti PON, ossia quelli finanziati dal Ministero dell'Istruzione, tramite fondi europei, per promuovere nuove modalità di fare scuola, attivare la comunità educante e contrastare la dispersione scolastica.

"Le risorse a volte sono state utilizzate in maniera superficiale, senza una progettazione vera che portasse ad affrontare problemi decennali, a cominciare dall’abbandono scolastico. Serve un monitoraggio qualitativo più serio", afferma Maria Giuliana Fiaschè, dirigente scolastica a Roccella Jonica. 

"Con gli avvisi PON, afferma anche la dirigente Castellano di Copertino, «si sarebbe potuto e dovuto fare di più. Spesso sono stati utilizzati come occasione per l’arricchimento dell’offerta formativa, con esperti che hanno proposto laboratori bellissimi di cui hanno beneficiato i ragazzi partecipanti, ma la cosa è finita lì".

Approfondisci su Vita.it e leggi l'intervista a Francesco Mollace, direttore di Civitas Solis, una onlus impegnata sul fronte educativo dei giovani della Locride.

 

 

 

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.