agente 0011

Il Corriere Buone notizie ha incontrato alcuni ragazzi delle scuole coinvolte nel progetto Agete0011:Missione inclusione capitanato dal Cesvi e realizzato insieme a Cittadinanzattiva, Actionaid, Amref, Vis, Uisp e La Fabbrica. Oltre agli studenti del Liceo Scientifico "Maxwell" di Milano sono stati intervistate anche Chiara e Francesca, due studentesse del Liceo "Da Vinci" di Roma dove Cittadinanzattiva ha realizzato il progetto. Il percorso realizzato nelle classi del Da Vinci ha visto come protagonista l'uso della danceability, una tecnica per permettere a persone abili e disabili di danzare insieme, questa tecnica è stata volutamente usata nel progetto come simbolo concreto di inclusione. I ragazzi della 3 A hanno approfondito la conoscenza di questa tecnica grazie all'Associazione FuoriContesto che ha condotto i laboratori didattici con gli studenti ed hanno usato questa tecnica in primis come strumento di inclusione nella loro classe anche perchè Chiara una loro compagna ha problemi di udito.

Da Chiara e dall' amicizia che la lega alla sua compagna Francesca e soprattuto dalla decisione di quest'ultima di imparare il linguaggio dei segni per comunicare meglio con Chiara, è nata l'idea di integrare la danza con i segni, in questo modo tutta la classe ha potuto sperimentare e provare in prima persona l'inclusione.

Per saperne di più leggi l'articolo.

Calabrese di nascita, romana d’adozione. Classe '80, una laurea in Scienze della Comunicazione e una specializzazione in giornalismo. A Cittadinanzattiva dal 2007, prima nel Dipartimento Networking, poi nella rete Scuola dove attualmente si occupa di Progetti e Campagne. Appassionata di fotografia, cinema e soprattutto del “mare del sud” dal quale non riesce a stare lontana.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.