Agenzia Entrate ecco le novità per le agevolazioni fiscali

Con la riapertura delle scuole ritorna il problema dei contributi scolastici volontari a carico delle famiglie. Nei giorni scorsi il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo dedicato alla scottante questione, di fatto i contributi di "volontario" non hanno nulla visto che ogni scuola fissa la sua tariffa e secondo il MIUR non sono obbligatori e non vi è nessuna regolamentazione.

La fotogradia fatta dal Corriere evidenzia come da nord a sud ogni scuola ha il suo "prezzo", a Milano la media è intorno ai 150 euro, a Roma si passa da un minimo di 40 euro nel Liceo Amaldi ad un massimo di 150 euro del Liceo Visconti. A sud le tariffe sono più basse, a Napoli siamo in media sui 100 euro, a Palermo siamo su un massimo di 70. Ma il primo posto in classifica è occupato dall'Istituto tecnico alberghiero Alberini di Treviso, dove il contributo richiesto è di ben 280 euro. Le scuole dichiarano che i contributi volontari sono l'unica risorsa certa e continua nel tempo per finaziare servizi e attività.

Leggi l'articolo del Corriere

Calabrese di nascita, romana d’adozione. Classe '80, una laurea in Scienze della Comunicazione e una specializzazione in giornalismo. A Cittadinanzattiva dal 2007, prima nel Dipartimento Networking, poi nella rete Scuola dove attualmente si occupa di Progetti e Campagne. Appassionata di fotografia, cinema e soprattutto del “mare del sud” dal quale non riesce a stare lontana.

Condividi

Potrebbe interessarti

Stai parlando con SUSI
Realizzato nell'ambito del progetto Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino, finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018)

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.