volontariato partecipazione

Una mamma di un bambino che frequenta la scuola Dante Alighieri di Sesto a Milano ha denunciato qualche giorno fa la richiesta da parte della scuola di pagare attività extracurriculari durante l'orario scolastico. Il Dirigente ha ricordato ad inizio anno alle famiglie che i progetti in programma per ampliare l'offerta formativa sono tutti a pagamento, l'ammontare richiesto è di 30 euro per bambino per la scuola primaria e secondaria di I grado, e 15 euro per bambini delle materne.

Le famiglie con difficoltà economiche hanno diritto ad una riduzione massima pari al 50%, la restante cifra non sarà a carico della scuola ma sarà a carico del fondo di solidarietà finanziato dagli stessi genitori. La situazione ha scatenato una reazione da parte dei genitori, non solo perchè le attività proposte vengono realizzate in orario scolastico e quindi non viene rispettato il principio dell'istruzione pubblica caratterizzata prima di tutto dall'inclusione, ma anche perchè il contributo "volontario" di fatto è obbligatorio. Altro elemento che ha scatenato le proteste dei genitori è anche la modalità con cui è stato ricordato ai genitori del pagamento, sui diari dei bambini vi era una nota che ribadiva in maniera esplicita che chi non effettuava il pagamento sarebbe stato escluso dalle attività.

Per saperne di più leggi l'articolo

Calabrese di nascita, romana d’adozione. Classe '80, una laurea in Scienze della Comunicazione e una specializzazione in giornalismo. A Cittadinanzattiva dal 2007, prima nel Dipartimento Networking, poi nella rete Scuola dove attualmente si occupa di Progetti e Campagne. Appassionata di fotografia, cinema e soprattutto del “mare del sud” dal quale non riesce a stare lontana.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.