Sicurezza a scuola

  • Roma: le scuole cadono a pezzi

    Roma le scuole cadono a pezzi

    E' quanto affermano i presidi dell'ANP, le scuole romane hanno seri problemi legati alla sicurezza e molti disagi. Il liceo scientifico Caravillani di Piazza Risorgimento ormai da mesi è chiuso e 600 studenti non potranno rientrarci per almeno due anni considerando il fatto che i lavori non sono ancora partiti. Al liceo scientifico Avogadro di via Brenta, l'aula magna e la palestra andranno completamente rifatte. Al Newton il laboratorio costato migliaia di euro è stato chiuso perchè il soffitto rischia di venire giù. Sono solo alcuni esempi delle condizioni degli edifici scolastici romani.

  • Consegnato l'XI Premio per le Buone pratiche nella scuola "Vito Scafidi"

    consegnato l xi premio per le buone pratiche a scuola vito scafidi

    Scuole resilienti dopo i sismi verificatisi tra agosto-ottobre 2016 e gennaio 2017, pratiche e progetti diffusi di educazione civica “fai da te”. Sono queste le buone notizie di cui numerose scuole si fanno testimoni, accompagnate dal permanere di elementi critici e di incertezza in merito alle condizioni degli edifici scolastici e all'assenza o scarsa trasparenza dei dati. Ad esempio, sulle oltre 19mila scuole situate in zona a rischio sismico, di ben 14270 non sappiano se siano adeguate sismicamente; incertezze anche sugli esiti delle verifiche di vulnerabilità sismica negli edifici scolastici delle aree terremotate. E, ancora, dati vecchi e poco attendibili sulla sicurezza di gran parte delle scuole a causa dei ritardi nella messa online della nuova Anagrafe dell’edilizia scolastica.

  • Consegnato l'XI Premio per le Buone pratiche nella scuola "Vito Scafidi"

    Progetti di resilienza al terremoto e promozione della educazione civica. Chiediamo dati certi sullo stato di sicurezza delle scuole e impegni concreti per l’educazione civica

    Scuole resilienti dopo i sismi verificatisi tra agosto-ottobre 2016 e gennaio 2017, pratiche e progetti diffusi di educazione civica “fai da te”. Sono queste le buone notizie di cui numerose scuole si fanno testimoni, accompagnate dal permanere di elementi critici e di incertezza in merito alle condizioni degli edifici scolastici e all’assenza o scarsa trasparenza dei dati. Ad esempio, sulle oltre 19mila scuole situate in zona a rischio sismico, di ben 14270 non sappiano se siano adeguate sismicamente; incertezze anche sugli esiti delle verifiche di vulnerabilità sismica negli edifici scolastici delle aree terremotate. E, ancora, dati vecchi e poco attendibili sulla sicurezza di gran parte delle scuole a causa dei ritardi nella messa online della nuova Anagrafe dell’edilizia scolastica.

  • “SU LA TESTA!” a Gioia Tauro, per la sicurezza delle scuole

    scuola ko

    Cittadinanzattiva Gioia Tauro sarà in piazza per chiedere alle istituzioni chiarezza sulle condizioni delle scuole del proprio territorio oltre che appellarsi ai genitori affinchè vigilino sul fronte sicurezza.

  • Quanto sono sicure le scuole italiane? La mappa di Wired

    wired mappe scuole antisismiche

    A 5 anni dalla sua prima inchiesta #ScuoleSicure, Wired ritorna sul tema della sicurezza delle scuole del nostro Paese. Secondo gli open data del Miur solo l'11,8% degli edifici scolastici presenti nel territorio sono stati costruiti o ristrutturati secondo la normativa antisismica. In pratica solo un edificio su 8 è stato progettato seguendo la normativa. I dati presentati però non sono completi, mancherebbero all'appello diversi comuni, le informazioni esistenti si riferiscono infatti a 6338 Comuni su un totale che sfiora gli 8 mila.

  • XI Premio Buone Pratiche Sicurezza e Salute a scuola "Vito Scafidi"

    Invito elettronico

    Il prossimo 5 aprile si terrà a Roma presso la Sala Igea dell'Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani, la cerimonia di premiazione dell'XI edizione del Premio Buone Pratiche Sicurezza e Salute a scuola "Vito Scafidi". Il Premio è un'iniziativa di Cittadinanzattiva rivolta a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato progetti in tre ambiti tematici specifici: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere, educazione alla cittadinanza attiva. Otto le scuole che verranno premiate.

  • Amianto nelle scuole: prime bonifiche ad Avellino, Alessandria, Pisa

    Sono 2.400 le scuole in Italia contaminate dall'amianto, 350.000 gli studenti e 50.000 i docenti e non docenti esposti.

    I dati sono stati presentati in occasione della proiezione del documentario «Asbeschool - stop amianto a scuola», di Stefania Divertito, con la regia di Luca Signorelli: un viaggio nelle scuole italiane a rischio. Un film-denuncia sulla situazione caotica di codici e leggi che regolamentano il monitoraggio dell’amianto: più di 400, che una proposta di legge governativa vuole armonizzare in un testo unico.

  • Indagine antisismica su scuole a rischio terremoto

    "A deciderlo è la commissione Ambiente della Camera presieduta da Ermete Realacci che ha accolto due emendamenti al Decreto Terremoto proposti dall’onorevole Gianluca Vacca del Movimento 5 Stelle. L’atto parlamentare propone di estendere l’intervento non solo alle scuole situate all’interno del “cratere” ma a tutte quelle che sono nelle zone 1 e 2 ovvero in Abruzzo, Campania, Calabria, Friuli e tutto il dorso appenninico.  

  • Buone pratiche a scuola: il 5 aprile la consegna del Premio nazionale "Vito Scafidi"

    Centodieci le scuole partecipanti sui temi della sicurezza, dell’educazione al benessere, della cittadinanza attiva. Una sezione speciale “La scuola oltre il terremoto” dedicata alle iniziative messe in campo dagli istituti scolastici nelle zone colpite dai recenti sismi. Infine, una carrellata delle iniziative realizzate in sedici istituti con il progetto 10&lodeinsalute, sui temi dei corretti stili di vita e del benessere fra i più piccoli.

    Sono questi i principali progetti che saranno presentati, attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti e video-clip, durante la XI edizione del Premio per le Buone Pratiche a scuola “Vito Scafidi” promosso da Cittadinanzattiva. L’Evento si svolgerà a Roma, il 5 aprile dalle ore 9:30 alle ore 13:30, presso la Sala Igea dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, in Largo della Enciclopedia Italiana 4.

  • Stop amianto a scuola: a Montecitorio la proiezione del docufilm

    amianto

    "STOP Amianto a scuola" è un docufilm di denuncia contro l'amianto nelle scuole d'Italia, per difendere piccoli e adulti, e trovare soluzioni. Gli autori sono Stefania Divertito e Luca Signorelli, giornalista ambientale e videoreporter, appassionati nel dare voce a chi lotta contro le ingiustizie del nostro Paese e nel tirare fuori le brutte storie per cercare soluzioni possibili. In questo documentario, compiono un viaggio lungo tutto lo stivale e le isole, alla ricerca di scuole con amianto. E in tutto ce ne sono ancora 2400.

  • Premio delle buone pratiche a scuola "Vito Scafidi"

    Il crescente interesse al tema della sicurezza ed il consenso appassionato dimostrato dalle scuole alla Campagna Impararesicuri ci ha convinto del fatto che le scuole abbiano interesse a far conoscere quanto stanno facendo nell'ambito della prevenzione alla sicurezza, confrontandosi con le esperienze realizzate da altre scuole.

  • E col bilancio partecipato nasce la prima scuola insonorizzata

    La prima in Italia interamente bonificata acusticamente. E con il privilegio di essere stata ristrutturata grazie ad una integrazione di sponsor privati, fondi derivanti dal contributo volontario dei genitori e altri interventi finanziati dal Comune, grazie alla presentazione di un progetto votato dai cittadini col bilancio partecipato.

    E' insomma un condensato di "buone pratiche" l'istituto statale Cavalieri,  con elementari e medie a indirizzo musicale.

    Dopo il positivo risultato raggiunto in un'aula grazie a sponsor privati, vengono migliorate altre due aule e con settemila euro prelevati dai contributi volontari dei genitori le classi senza rumore già nel 2015 erano diventate tre.

  • La scuola oltre il terremoto! Partecipa al nostro Bando Scafidi

    Una sezione speciale del Premio Buone Pratiche "Vito Scafidi", che sarà consegnato ufficialmente il 5 aprile a Roma, è quest'anno dedicata alle scuole situate nelle zone colpite dal terremoto che hanno promosso attività, iniziaitive, giornate per sostenere gli studenti, le famiglie e il territorio nel post-sisma.

    E' il nostro sguardo sull'attualità, all'interno di un Premio - ormai storico - che assegniamo agli istituti scolastici che si sono distinti per progetti su sicurezza, educazione al benessere e cittadinanza attiva. 

  • Scuole in corsa su sicurezza, salute e cittadinanza attiva: partecipa al Bando Scafidi

    Sono ancora aperte le iscrizione per l'XI edizione del Premio Buone Pratiche a Scuola "Vito Scafidi" il tempo massimo per partecipare è il 3 marzo. Il concorso rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado ha l'obiettivo di diffondere le buone pratiche realizzate nelle scuole del nostro paese in tre ambiti tematici specifici: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al ben-essere; educazione alla cittadinanza attiva. Questa edizione contiene una novità, prevede infatti una sezione speciale dal titolo "la scuola oltre il terremoto", rivolta a tutte le scuole presenti nelle regioni colpite. L'obiettivo è premiare le attività realizzate da queste scuole a supporto degli studenti ma anche delle famiglie.

  • Vulnerabilità sismica: concetti base per non addetti ai lavori

    In seguito agli eventi sismici che hanno interessato negli ultimi mesi il nostro Paese, ci siamo ritrovati più volte a leggere e commentare notizie che fanno riferimento all'elemento della vulnerabilità sismica degli edifici.

    Il dato sulla vulnerabilità sismica di molte scuole ha allarmato genitori, alunni e insegnanti, che ora, in molti casi, chiedono alle istituzioni di fornire maggiori certezze e garanzie sulla sicurezza dell’edificio e di considerare la possibilità, nel mentre verranno effettuate tutte le verifiche aggiuntive, di spostare gli studenti in altre sedi.

  • Il Premio "Vito Scafidi" dedica una sezione speciale al post sisma

    L'XI edizione del Premio Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla salute a scuola "Vito Scafidi" dedica una sezione speciale dal titolo: "La scuola oltre il terremoto" a tutte le istituzioni scolastiche colpite dal sisma nel centro Italia che per dare supporto e sostegno ai propri studenti ed alle relative famiglie hanno realizzato attività specifiche.

  • Milano: aule in legno in attesa di edifici ristrutturati

    milano aule di legno

    Il Comune di Milano ha in serbo per i prosssimi mesi la realizzazione di un progetto che possa offrire una sistemazione alternativa agli studenti che frequentano scuole da ristrutturare. 170 è il numero degli edifici dove sono in programma i lavori. La richiesta degli interventi è stata avanzata da tutti gli istituti per il periodo estivo, un periodo ottimale che coincide con la chiusura delle attività scolastiche. Ma è impensabile portare a termine i lavori nello stesso arco di tempo, è quello che afferma l'Assessore ai lavori pubblici del Comune.

  • Riconfermata la struttura di missione per l'edilizia scolastica

    Anagrafe delledilizia scolastica

    Il Governo Gentiloni riconferma la struttura di missione per la riqualificazione dell'edilizia scolastica. Il lavoro di italia Sicura/Scuole "non si è mai interrotto e da oggi prosegue con decisione" afferma Laura Galimberti coordinatrice della Struttura di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ad oggi oltre quattro miliardi di euro hanno consentito agli Enti Locali di aprire 6.500 cantieri e di concluderne più di 4500.

  • Al via il bando Premio Buone Pratiche Vito Scafidi

    Pubblicato il bando della XI edizione del Premio Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla salute "Vito Scafidi", promosso dalla rete scuola di Cittadinanzattiva. Il premio giunge quest'anno alla sua undicesima edizione ed è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato nell'anno scolastico in corso o in quello precedente progetti relativi a tre ambiti tematici: educazione al benessere; sicurezza a scuola e sul territorio; educazione alla cittadinanza attiva.

  • XI edizione del Premio Sicurezza a Scuola "Vito Scafidi"

    A breve la Scuola di Cittadinanzattiva presenterà il nuovo bando di concorso per il Premio di educazione alla sicurezza ed alla salute "Vito Scafidi" 2017. Il premio giunge quest'anno alla sua undicesima edizione, è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato nell'anno scolastico in corso o in quello precedente attività progettuali relative a tre ambiti tematici: educazione al benesse; sicurezza a scuola e sul territorio; educazione alla cittadinanza attiva.

  • L'Aquila: genitori e insegnanti chiedono informazioni tecniche sulle scuole

    Aquila comitato genitori richiede informazioni tecniche sulle scuole

    Il Comitato "Scuole Sicure" de L'Aquila, composto da genitori e insegnanti, ha presentato un'istanza per richiedere la documentazione sulle condizioni delle scuole della città con relativa sospensione delle attività scolastiche, al Prefetto, al Sindaco, al Presidente dela Provincia, al presidente della Regione, al presidente della Commissione regionale territorio.

    Nei giorni scorsi infatti gli enti locali hanno deciso di procedere con la riapertura delle scuole visto gli esiti positivi dei sopralluoghi. I membri del Comitato, preoccupati dalla vulnerabilità degli edifici in cui vengono ospitati i propri figli durante le ore di lezione, hanno deciso di presentare l'istanza.

  • Sicurezza delle scuole a Roma: gli Enti locali pubblichino gli esiti dei controlli post-terremoto

    Dopo le scosse del 18 Gennaio, avvertite nitidamente nella Capitale, molti Presidi hanno deciso per l’evacuazione delle scuole e la chiusura temporanea degli istituti. “Una mossa saggia e prudente, a cui però non ha fatto seguito un controllo adeguato degli edifici, da parte degli Enti locali, né tanto meno la pubblicazione degli esiti delle verifiche laddove effettuate (solo Il Primo Municipio ne annuncia oggi a breve la pubblicazione)”, commenta Elio Rosati, segretario regionale di Cittadinanzattva Lazio.

    ”I controlli, tra l’altro, andrebbero fatti prima di decidere l’ingresso di studenti e personale. Ed ad assumersi la responsabilità non possono essere solo i Dirigenti, perché la responsabilità ultima cade sugli Enti locali, ossia Municipi e Comune per scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado e Provincia per gli istituti di istruzione superiore. La situazione delle scuole laziali, in generale, sotto il profilo della sicurezza è assai carente: dai dati ultimi contenuti nell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, emerge ad esempio che oltre la metà (53,6%) è sprovvisto del certificato di agibilità statica e il Piano di emergenza non è stato redatto quasi in una scuola su cinque (18,2%).

  • Ancora proroghe sulla sicurezza delle scuole.

    Ancora proproghe nel mondo della scuola. Una riguarda l'adeguamento delle scuole alle normative anti-incendio, che slitta alla fine del 2017. L'altra riguarda l’abilitazione dei neolaureati che potranno continuare a fare supplenze fino al 2020.  Rinviata di un anno anche la scadenza per utilizzare i 100 milioni di euro messi a disposizione dall’Inail per la messa in sicurezza delle scuole: in molti casi i cantieri non sono ancora stati aperti, il rischio era quello di perdere le risorse.

  • Anti-incendio a scuola: dopo 25 anni, ancora una proroga.

    Il Milleproroghe del dicembre scorso ha rinviato, con un colpo di mano inaspettato, al 31 dicembre 2017 la scadenza per adeguare le scuole italiane alla normativa di prevenzione incendi.

    “Siamo indignati rispetto a questa ennesima proroga e contestiamo chi la giustifica sostenendo che si tratti di un mero adempimento burocratico quindi rinviabile sine die”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

    Secondo i dati MIUR, le scuole provviste di tale certificazione sarebbero il 60% e secondo l'ultimo rapporto di Cittadinanzattiva (“XIV Rapporto su sicurezza, qualità, accessibilità a scuola”, settembre 2016) solo il 10% è in grado di mostrare il certificato di prevenzione incendi.

    La norma che imponeva alle scuole di dotarsi del CPI (Certificato di Prevenzione Incendi) risale al 1992, ben 25 anni fa.

  • Studenti e artisti per la Giornata sicurezza nelle scuole ad Ascoli Piceno

     foto giornata sito

    Celebrata la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva sin dal 2003 e, dallo scorso anno, istituzionalizzata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

    Circa 1000 le scuole che si sono iscritte sul sito di Cittadinanzattiva per ricevere i materiali sui rischi terremoto ed alluvione, 30 le iniziative delle nostre assemblee territoriali in tutta Italia.

  • Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole 2016

    giornatasicurezzascuole2016

    “La Giornata nasce dal basso, ossia dalle esigenze e richieste dei cittadini per avere scuole sicure, alle quali Cittadinanzattiva ha dato voce e che sono state raccolte dalle Istituzioni, in nome dell’art. 118 u.c. della Costituzione”, è quanto ha ricordato oggi Anna Lisa Mandorino, vice segretario generale di Cittadinanzattiva che ha preso parte alla Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole presso l’Istituto comprensivo Pablo Neruda di Selva Candida, a Roma.

    “Richiamiamo l’appello fatto stamane dal Presidente del Consiglio Renzi ai Sindaci affinché utilizzino tutte le risorse economiche a disposizione per la messa in sicurezza delle scuole, perché fuori dal Patto di stabilità e alle forze politiche di fare in modo che l’edilizia scolastica resti fuori dalle dispute politiche. È ciò che Cittadinanzattiva dopo 13 anni di impegno ininterrotto sulla sicurezza delle scuole nel nostro Paese”.

    “Il nostro pensiero – continua Mandorino - va oggi anche alle zone colpite dal terremoto: sappiano che su 990 ispezioni fatte nelle scuole delle 4 Regioni colpite dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria), il 34% risulta inagibile in tutto o in parte.. Chiediamo che sia fatta un’operazione di trasparenza sullo stato di agibilità degli edifici scolastici e che la partecipazione civica sia un pilastro nel processo di ricostruzione in quelle aree”.

  • Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole. il 23/11 ad Ascoli Piceno

     AscoliPiceno sicurezza scuola

    Da Milano a Messina, da Torino a Napoli, passando per Chioggia, Oristano, Campobasso, l’Aquila, Policoro e Crotone, sono oltre 30 gli appuntamenti in tutta Italia promossi da Cittadinanzattiva, in occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole che si celebra ufficialmente il 22 novembre ma le cui iniziative animeranno tutta la settimana in corso.

    Circa mille le scuole che formalmente hanno aderito alla Giornata che si svolge con la collaborazione del Dipartimento della Protezione civile e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: negli istituti sarà distribuito il materiale predisposto da Cittadinanzattiva sul rischio sismico e su quello alluvione.

  • Nuova Anagrafe edilizia scolastica: bene il via libera ma occorre vigilare sul processo

    Via libera in Conferenza Unificata alla nuova Anagrafe dell'Edilizia Scolastica. Dati più dettagliati, per una conoscenza più profonda sullo stato di ciascun edificio scolastico. Informazioni rilevate in tempo reale e piuù facili da reperire per amministrazioni e cittadini. Maggiore integrazione con le altre Anagrafi presenti nel sistema informativo del Miur, fra cui quella degli studenti. Sono alcune delle novità previste dall'accordo siglato che consentirà di arrivare entro la prima metà del prossimo anno ad un vero e proprio fascicolo elettronico di ciascun edificio scolastico.

  • Giornata della Sicurezza nelle scuole: online i materiali e gli eventi sui territori

    Il prossimo 22 novembre sarà celebrata la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole. Per questa occasione la rete Scuola di Cittadinanzattiva, come ogni anno, ha predisposto un kit didattico da inviare gratuitamente alle scuole di ogni ordine e grado che ne hanno fatto richiesta tramite il form on line presente sul nostro sito.

  • Sicurezza delle scuole: nelle Marche aperti spazi di partecipazione

    terremoto scuola amatrice

    A seguito degli eventi sismici che, dal mese di agosto 2016, hanno colpito pesantemente anche la Regione Marche ed in particolare le Province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, è riemersa, in tutta la sua emergenza-urgenza, la questione della sicurezza degli edifici scolastici. 

    Comitati spontanei di genitori di diversi Comuni delle Marche, posti di fronte alla tragedia del terremoto ed alla non conoscenza dello stato effettivo della scuola dei propri figli, a seguito dei continui eventi sismici, si sono rivolti alla Associazione di Cittadinanzattiva delle Marche chiedendo di essere informati in merito al tema della sicurezza degli edifici scolastici.

    Sono state quindi realizzate insieme ai Comitati dei genitori iniziative finalizzate ad informare e formare i cittadini sul tema, così come sulle modalità di tutela ed affermazione del diritto ad avere scuole più sicure.

  • Nuova Anagrafe edilizia scolastica: bene il via libera ma occorre vigilare sul processo

    Cittadinanzattiva, che si batte da anni per avere una Anagrafe Nazionale dell’Edilizia Scolastica, plaude a questa iniziativa a cui ha contribuito, prima con una lunga azione di denuncia e di interlocuzione e poi all’interno dell’Osservatorio dell’Edilizia scolastica con proposte di modifiche e inserimento di nuovi record, in parte recepiti.

    “Senza voler smorzare l’entusiasmo per una operazione che attendevamo da anni, l’esperienza ci consiglia di essere prudenti e, soprattutto, di vigilare affinché si arrivi celermente all’adozione di uno strumento di analisi, programmazione e intervento valido. Abbiamo visto, infatti, con le ultime scosse sismiche di ottobre, come la mancanza di informazioni non contenute nell’Anagrafe e spesso non in possesso nemmeno degli enti proprietari, abbia creato un grande allarme sociale tra le famiglie, gli studenti ed il personale scolastico dimostrando, se ancora ce ne fosse bisogno, la necessità di una Anagrafe accessibile a tutti e con dati aggiornati”, afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva.

  • Terremoto: cosa fare a scuola. I nostri consigli!

    Cosa fare a scuola durante e dopo una scossa di terremoto? Quali comportamenti seguire quando scatta l'emergenza? Per scoprirlo segui i consigli messi a punto dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva per la prossima Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole.

  • Giornata Nazionale Sicurezza nelle scuole: iscrivi la tua scuola!

    Anche quest'anno, in occasione della prossima Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, la rete Scuola di Cittadinanzattiva ha predisposto un kit didattico gratuito per tutte le scuole di ogni ordine e grado che ne faranno richiesta compilando il form on-line presente sul sito:www.cittadinanzattiva.it. Il kit di quest'anno contiene:poster sui corretti comportamenti in caso di terremoto, poster sui corretti comportamenti in caso di alluvione, opuscolo per docenti sulla sicurezza a scuola.

  • Le nostre scuole ancora insicure: il servizio di Striscia la notizia

    "La situazione sta lentamente migliorando, ma la sicurezza delle nostre scuole è ancora precaria. Lesioni strutturali, barriere architettoniche, bagni senza carta igienica e sapone, assenza di locali mensa. E non solo: scarseggiano anche i dati ufficiali perchè l'operazione della Anagrafe dell'edlizia scolastica è ancora parziale".

  • Amianto in una scuola su dieci. A Policoro vince Cittadinanzattiva

    L'amianto sembrerebbe interessare il 10% delle scuole, soprattutto al Nord. Ma mancano dati ufficiali anche perchè molte scuole non si fanno monitorare. L'unica Regione a censire è stata il Lazio, con un 16% di istituti coinvolti dalla presenza di amianto. Secondo le anticipazioni di Legambiente che a breve presenterà un nuovo rapporto, i capoluoghi di Regione èiù interessati dal fenomeno amianto sono Genova, Forlì ed Agrigento.

    All'istituto professionale di Policoro, in provincia di Matera, dopo un anno di pressione da parte della sede locale di Cittadinanzattiva, La Provincia nei giorni scorsi è finalmente intervenuta ed ha deciso di rimuovere la sostanza tossica.

  • Mensa a scuola: il 18 ottobre l'evento di Cittadinanzattiva

    Si terrà il prossimo 18 ottobre, a Roma, presso la sede della Confederazione Italiana Agricoltori - CIA (Auditorium Giuseppe Avolio, Via Mariano Fortuny 16), dalle ore 9:15 alle ore 13:30, l’evento promosso da Cittadinanzattiva “Mensa a scuola: costi, qualità e...nuove prospettive?”.
    Nel corso dell’evento, saranno presentati i dati di una Indagine di Cittadinanzattiva su 79 mense scolastiche in tutta Italia, su aspetti quali la sicurezza, l’accessibilità dei locali mensa, nonché sugli sprechi e la percezione della qualità del cibo offerto. Inoltre, saranno presentati i dati sulle tariffe della ristorazione scolastica, provincia per provincia.

  • "Silenzi di Stato", il 12 ottobre la presentazione a Roma

    Quanto è sicura la mia scuola? Come sono fatte le graduatorie dei concorsi pubblici?

    "Dieci casi esemplari di trasparenza negata. Uno più stupefacente e vergognoso dell’altro... Un reportage che aiuta a capire quanto la battaglia per una trasparenza vera e non solo formale non sia stata ancora vinta. Anzi...”, scrive Gian Antonio Stella nella prefazione di "Silenzi di stato. Storie di trasparenza negata e di cittadini che non si arrendono", di Ernesto Belisario e Guido Romeo, appena edito da Chiare Lettere. 

  • Crollo scuola di Ostuni: valuteremo la possibilità di costituirci parte civile

    "Apprezziamo il lavoro svolto dagli inquirenti, anche in tempi celeri, per l'accertamento delle responsabilità e ci auguriamo che le eventuali sanzioni arrivino in tempi stretti.
    L'accaduto pone in luce il problema dei controlli sui lavori pubblici inerenti la sicurezza delle scuole, un ambito su cui l'urgenza di intervenire non può far passare in secondo piano l'aspetto relativo alla correttezza e qualità dei lavori svolti e al controllo sugli stessi. Per questo valuteremo la possibilità di costituirci parte civile nel processo per truffa sui lavori di ristrutturazione, in nome del nostro impegno per la trasparenza e la legalità". A dichiararlo è Daniela Mondatore, Presidente di Cittadinanzattiva Puglia, in merito alla indagine della Guardia di Finanza per il crollo della Scuola Pessina di Ostuni che ha portato alla notifica di un avviso di garanzia a sette persone, quattro imprenditori, due tecnici e un dirigente comunale ritenuti responsabili di abuso d'ufficio e turbativa d'asta.

  • Pericolanti, inaccessibili e a rischio terremoto. Le scuole italiane nel XIV Rapporto di Cittadinanzattiva

    fotoscuola XIVRapporto

    Più di una scuola su dieci ha lesioni strutturali; in un caso su tre gli Enti locali non effettuano gli interventi  richiesti. Un istituto scolastico su tre si trova in zone ad elevata sismicità e soltanto l’8% è stato progettato secondo la normativa antisismica. Due terzi delle scuole non possiedono la certificazione di agibilità statica.

    Prendendo in esame i locali scolastici emerge che le aule sono in discrete condizioni strutturali, ma spesso sono troppo piccole e non hanno sussidi adatti agli studenti con disabilità. Nella metà delle scuole mancano le palestre e, in un istituto su quattro, si mangia in locali impropri.

    In un caso su tre i cortili diventano parcheggi. Bagni ancora senza carta igienica e sapone (assenti rispettivamente nel 37% e nel 50% delle scuole).

  • Sicurezza delle scuole: presentato il XIV Rapporto di Cittadinanzattiva

    Più di una scuola su dieci ha lesioni strutturali; in un caso su tre gli Enti locali non effettuano gli interventi strutturali richiesti. Un istituto scolastico su tre si trova in zone ad elevata sismicità e soltanto l’8% è stato progettato secondo la normativa antisismica. Due terzi delle scuole non possiedono la certificazione di agibilità statica. Prendendo in esame i locali scolastici emerge che le aule sono in discrete condizioni strutturali, ma spesso sono troppo piccole e non hanno sussidi adatti agli studenti con disabilità. Nella metà delle scuole mancano le palestre e, in un istituto su quattro, si mangia in locali impropri. In un caso su tre i cortili diventano parcheggi. Bagni ancora senza carta igienica e sapone (assenti rispettivamente nel 37% e nel 50% delle scuole).

  • Presentato il XIV Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola

    Più di una scuola su dieci ha lesioni strutturali; in un caso su tre gli Enti locali non effettuano gli interventi strutturali richiesti. Un istituto scolastico su tre si trova in zone ad elevata sismicità e soltanto l’8% è stato progettato secondo la normativa antisismica. Due terzi delle scuole non possiedono la certificazione di agibilità statica.

  • L'Anagrafe sulla sicurezza delle scuole è gia vecchia

    anagrafe 2015 2 16 copy

    L'anagrafe dell'edilizia scolastica, resa pubblica poco più di un anno fa, non contiene dati aggiornati e le informazioni relative alle certificazioni. Il recente sisma nel centro Italia ha inevitabilmente riacceso l'attenzione sullo stato degli edifici scolastici, iin vista anche della ripresa dell'anno scolastico.

  • Presentazione XIV Rapporto Sicurezza, Qualità, Accessibilità a scuola

    invito sca

    Il prossimo 21 settembre si svolgerà a Roma la presentazione del XIV Rapporto Sicurezza, Qualità, Accessibilità a scuola. L'evento si terrà presso la Sala Igea del Palazzo della Enciclopedia Italiana Treccani dalle ore 09:30 alle ore 13:30. Dai dati elaborati da Cittadinanzattiva, emerge che lo stato di sicurezza nelle nostre scuole versa ancora in condizioni critiche.

  • A Sulmona vincono le famiglie, rinviata l'apertura delle scuole

    sulmona

    Il sindaco di Sulmona decide di rinviare l'apertura delle scuole, prevista per il 12 settembre, a data da destinarsi, a seguito di una animata assemblea pubblica voluta anche dal Comitato "Scuole sicure", composto da circa 400 famiglie che si sono rifiutate di mandare a scuola i figli prima che gli enti preposti abbiano certificato la sicurezza degli edifici

    Di seguito la notizia riportata dall'Agenzia Ansa.

  • XIV Rapporto Sicurezza, Qualità e Accessibilità a Scuola

    scuole made

    Il prossimo 21 Settembre a Roma presso la Sala Igea dell'Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani la rete Scuola di Cittadinanzattiva presenterà il XIV Rapporto sulla Sicurezza, Qualità, Accessibilità a Scuola.

  • Ecco la mappa dei Comuni con Piano di emergenza

    protezione civile

    Tutti i Comuni del nostro Paese devono avere un proprio Piano di Emergenza, a prescriverlo è la legge 100 del 12 Luglio 2012. Il Piano di emergenza è uno strumento utile soprattutto alla popolazione perchè contiene informazioni utili in caso di pericolo ad esempio come comportarsi e dove recarsi ed è fondamentale anche per le istituzioni per organizzare i soccorsi in caso di calamità naturale.

  • A Roma le scuole a rischio crollo!

    terremoto scuola amatrice

    E' l'allarme che lancia il Presidente dell'ANP Rusconi dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia nei giorni scorsi. le scosse si sono sentite anche a Roma, dove il rischio sismico non è elevato ma non c'è da restare tranquilli.

  • 1759 Comuni senza Piano di emergenza

    norme comuni terremoto

    Secondo la Legge 100 del 12 Luglio del 2012 ciascun Comune italiano avrebbe dovuto dotarsi di un piano di emergenza entro 90 giorni da tale legge (12 ottobre 2012). Il piano consiste in un dossier sulle caratteristiche del territorio e pianificazione degli interventi in caso di disastri stilato in base a delle regole definite dalla protezione Civile, uno strumento importantissimo per la prevenzione dei rischi e per le modalità di intervento e soccorso.

  • Scuole: non vi sono piani di evacuazione per disabili

    norme sicurezza disabili terremoto

    Il recente terremoto che ha colpito il nostro Paese ha inevitabilmente posto al centro del dibattito l'importanza delle prove di evacuazione nei luoghi pubblici. Le scuole le svolgono regolarmente, questo è quanto emerge dal Rapporto Sicurezza Qualità Accessibilità a Scuola realizzato annualmente da Cittadinanzattiva ma il nodo critico resta la gestione di studenti con disabilità.

  • A Roma quasi tutte le scuole non hanno certificato di agibilità

    amatrice distrutta terremoto

    E' l'allarme che lancia il Presidente dell'ANP Rusconi dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia nei giorni scorsi. le scosse si sono sentite anche a Roma, dove il rischio sismico non è elevato ma non c'è da restare tranquilli. Come afferma Rusconi la maggior parte delle scuole della capitale non ha il certificato di agibilità statica,dato che viene confermato ogni anno anche dal Rapporto nazionale di Cittadinanzattiva sulla Sicurezza Qualità ed Accessibilità a scuola, del quale è prevista la presentazione di questa annualità il 21 Settembre a Roma.

  • #Terremoto Centro Italia:“nelle scuole mancano piani di evacuazione per disabili”. La nostra denuncia

    terremoto sicurezza scuola

    Nel dossier che sarà presentato il 21 settembre, l'associazione raccoglie le dichiarazioni dei responsabili della sicurezza degli edifici scolastici: "Nel 10% non sono ancora stati individuati percorsi praticabili che non comportino l’uso dell’ascensore o del servoscala". Prevenzione incentrata sul (remoto) rischio incendio e non su quello sismico-alluvionale

  • Aule inagibili al Liceo Pizzi di Capua. I genitori protestano e avviano raccolta fondi

    Di fronte a 33 aule su 62 di fatto inagibili e di fronte all’impossibilità di avviare i lavori per mancanza di fondi, i genitori si schierano in prima fila per garantire il diritto allo studio dei loro figli. Accade al liceo «Pizzi» di Capua, dove, dopo il crollo del controsoffitto a maggio scorso e il sequestro che ne è seguito, si è intensificato il pressing delle famiglie nei confronti della Provincia, responsabile dell’edilizia scolastica.

  • Idee e iniziative per la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    On line le graduatorie definitive del concorso di idee #lamiascuolasicura. Il concorso è stato lanciato dal Ministero dell'istruzione, dell'Università e la Ricerca per promuovere percorsi di sensibilizzazione alla sicurezza nelle scuole.
    l concorso è finanziato con 200mila euro complessivi (che saranno ripartiti tra le cinque scuole prime classificate) e rientra tra le iniziative messe in campo dal Miur nell'ambito della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, istituita con decreto del Ministro lo scorso 27 novembre 2015, e che si terrà il 22 novembre prossimo.

  • Crolli nelle scuole: più di 20 nell'ultimo anno scolastico

     

    Almeno 20 i crolli di varia natura, per fortuna senza vittime, registrati nell’anno scolastico che si sta chiudendo in questi giorni, in media due al mese. A registrarli Cittadinanzattiva che oggi interviene sull’ultimo episodio, verificatosi ieri nella scuola elementare Saffi di Carrara, dove un pesante cancello è caduto su due alunni, per fortuna ferendoli solo lievemente, mentre uscivano da scuola.
    “Le amministrazioni locali devono vigilare ed intervenire con tempestività per garantire la sicurezza delle scuole e scongiurare episodi come quello avvenuto ieri”, ha dichiarato Adriana Bizzarri, della rete scuola di Cittadinanzattiva.

  • In arrivo i fondi per la scuola con i soffitti bucati

    Era stata definita la "peggiore scuola d'Italia", l'Istituto "Caso" di Piedimonte Matese, nell’alto Casertano, monitorato da Cittadinanzattiva nell'ambito del XII Rapporto su sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola. Infiltrazioni nel soffitto al punto che quando piove si devono sistemare secchi e stracci sul pavimento di aule e corridoi per trattenere l’acqua; guaine di asfalto sollevate sulle tettoie; fori fatti con il trapano nelle pareti per consentire alle infiltrazioni d’acqua di trovare una via di fuga, avendo già abbondantemente danneggiato la staticità dei muri. Anche La Stampa aveva raccontato la vicenda in una inchiesta di Flavia Amabile.

  • Premiate le Buone pratiche a scuola

    premiazione scafidi

    Lo scorso 14 Aprile si è tenuta a Roma la cerimonia di premiazione della X edizione del Premio Buone Pratiche Sicurezza e Salute a scuola "Vito Scafidi". Tre le scuole premiate: il Circolo Didattico di Caluso per l'area educazione al benessere; l'Istituto Comprensivo Chieri 3 per l'area sicurezza a scuola e sul territorio ed infine l'Istituto Comprensivo Dieta - Sofo di Monopoli per l'area educazione alla cittadinanza attiva. Altre 5 scuole hanno invece ricevuto una menzione speciale.

  • Consegnato il X Premio Scafidi: buone idee per la scuola!

    Elezioni fra gli studenti dei Rappresentanti Alunniper la Sicurezza, elaborazione dal punto di vista dei più giovani di una proposta di legge per l’invecchiamento attivo, costruzione di un “albergo per insetti” per scoprire la natura e la biodiversità. Sono questi i tre progetti, molto concreti, vincitori del X Premio “Vito Scafidi” per le Buone pratiche nella scuola promosso da Cittadinanzattiva e consegnato oggi a Roma.

  • Il 14 aprile la consegna del X Premio Buone Pratiche "Vito Scafidi"

    Il prossimo 14 Aprile si terrà a Roma presso la Sala Igea dell'Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani la cerimonia di premiazione della X edizione del Premio Buone Pratiche a scuola "Vito Scafidi". Ad una giuria di esperti è toccato l'arduo compito di visionare e valutare  i 106 progetti pervenuti e scegliere i progetti vincitori e menzionati di questa edizione. Il 14 Aprile sul sito di Cittadinanzattiva sarà possibile visionare delle brevi clip video dei progetti vincitori.

  • Scuole insicure nel Lazio. Segnalateci i vostri casi!

    Allagamenti e principio di incendio. E' funestata la scuola media Scriattoli di Cura di Vetralla, in provincia di Viterbo, costretta a chiudere i battenti per alcune settimane. Gli studenti faranno lezione di pomeriggio in un'altra scuola.
    Approfondisci su Tusciaweb

  • il 14 aprile la consegna del X Premio "Vito Scafidi"

    Il prossimo 14 Aprile a Roma presso la Sala Igea dell'Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, si svolgerà la cerimonia di premiazione della X edizione del Premio Scafidi. 106 sono in totale i progetti pervenuti e ad un'apposita giuria di esperti è stato affidato il compito di valutarli e scegliere i premiati ed i menzionati di questa edizione.

  • Crollo Liceo Darwin: arrivano le motivazioni della sentenza della Cassazione

    “Le scuole insicure devono essere chiuse su iniziativa degli insegnanti responsabili della sicurezza”. A dirlo è la Cassazione nelle motivazioni di conferma delle sei condanne per il crollo del liceo Darwin di Rivoli (Torino), vicenda che, il 22 novembre del 2008, costò la vita Vito Scafidi, mentre il suo compagno di classe Andrea Macrì perse l'uso delle gambe.

    "Agli insegnanti del Darwin che avevano accettato l’incarico di responsabili della sicurezza e che hanno sostenuto di non avere le competenze tecniche necessarie per svolgere quel compito, la Cassazione ha replicato che chi non dispone di un adeguato bagaglio tecnico ha tre strade da percorrere: darsi da fare per acquisirlo, utilizzare le conoscenze di chi ne dispone, o “segnalare al datore di lavoro la propria incapacità”. In nessun caso chi riveste questa delicata posizione di garanzia “può addurre la propria ignoranza per escludere la responsabilità dell’evento dannoso”.

  • Anagrafe dell’edilizia scolastica: ritardi ingiustificati e dati parziali

    E' andata online ad agosto dello scorso anno e doveva essere aggiornata entro il 31 gennaio 2016. Ma ad oggi l'Anagrafe dell'edilizia scolastica resta ancora una promessa mancata. Dati non aggiornati e parziali, indicatori mancanti e incomprensibili per i cittadini che, di certo, non possono utilizzarla come strumento di trasparenza e di scelta per la scuola da frequentare o dove far iscrivere i propri figli.
    La denuncia, l'ennesima, arriva da Cittadinanzattiva e Legambiente, da anni impegnate sul tema della sicurezza scolastica.

  • Sull’Anagrafe dell’Edilizia, Ministero, Regioni e Comuni sordi alle richieste di trasparenza

    L’istituto Agrario “Scorciarini Coppola” di Piedimonte Matese è chiuso da più di due anni e i suoi studenti sono ospitati nell’Istituto Commerciale della stessa città senza più laboratori da utilizzare e terreni da coltivare, ma nell’Anagrafe l’istituto risultaattivo ed operante; la scuola Media Don Milani di Lamezia Termepresenta gravi problemi strutturali, di accessibilità e di evacuazione che ne consiglierebbero la chiusura immediata, ma non secondo l’Anagrafe, che non fornisce tali informazioni; l’IC Pirandello di Lampedusa presenta un’aula puntellata, altre aule con infiltrazioni di acqua e distacchi di intonaco, inadeguati sistemi di evacuazione, ma non secondo l’Anagrafe che non riporta alcun dato sullo stato dell’immobile. Sono sole tre dei 100 casi esaminati ad agosto 2015 da Cittadinanzattiva, all’indomani della pubblicazione dell’Anagrafe dell’Edilizia scolastica e sui quali, a distanza di qualche mese (marzo 2016) , si è tornati a verificare se fossero stati apportati aggiornamenti, come promesso dal Ministero dell’Istruzione. Ma nulla è cambiato. Il Miur aveva,infatti, dichiaratocome si legge ne “La scuola in chiaro”che: “…a seguito di accordo in conferenza unificata di intesa con Comuni e Province, è stato stabilito di aggiornare al31 gennaio 2016 la pubblicazione dei dati relativi alle certificazioni degli edifici al fine di consentire l'adeguamento delle informazioni contenute nella sezione agli interventi recentemente autorizzati dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca”.

  • Anagrafe edilizia scolastica: resta ancora una promessa mancata

    “Con rammarico ci vediamo costretti ad avvisare i cittadini, che così com’è oggi, l’Anagrafe dell’edilizia scolastica non è utilizzabile né attendibile, perché contiene dati parziali e non aggiornati, indicatori mancanti ed incomprensibili per i cittadini, E mentre non si è provveduto ad aggiornare, come promesso entro il 31 gennaio scorso, i dati relativi alle certificazioni, è stata prorogata di ancora un anno (31 dicembre 2016) l’entrata in vigore dell’obbligo per le scuole di dotarsi della certificazione di prevenzione incendi. Per sapere se la scuola dei proprio figli sia sicura o meno, occorrerà agire caso per caso, scuola per scuola, anche con l’aiuto di Cittadinanzattiva e Legambiente”. È quanto denunciano Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva e Vanessa Pallucchi, responsabile di Legambiente Scuola, associazioni da anni impegnate sul tema della sicurezza scolastica.

  • X Edizione Premio Buone Pratiche Vito Scafidi

    Il Premio Buone Pratiche di educazione alla Sicurezza ed alla Salute "Vito Scafidi" giunge quest'anno alla sua decima edizione. Il concorso è ormai un appuntamento fisso per la rete Scuola di Cittadinanzattiva. E' rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato progetti dedicati ad una delle tre aree tematiche: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva.

  • Gite scolastiche: i presidi controllino le gomme degli autobus

    0001

    Gite scolastiche a rischio, perchè per presidi ed accompagnatori crescono i controlli e le procedure burocratiche per garantire agli studenti un viaggio in sicurezza. Tutto nasce dalla recente circolare del Ministero dell'Istruzione che, recependo il "Vademecum per viaggiare in sicurezza" della Polizia Stradale, invita i dirigenti scolastici, prima di dare l'ok ad uno spostamento degli studenti che richieda l'uso di un mezzo di trasporto a noleggio anche in città, ad accertarsi che la ditta che eroga il servizio, i mezzi utilizzati e lo stesso autista siano idonei e perfettamente in regola. 

  • Buone pratiche a scuola con il Concorso Vito Scafidi

    Il concorso "Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla Salute Vito Scafidi", promosso dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva, giunge quest'anno alla sua decima edizione. Il concorso è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato un progetto su uno dei seguenti temi: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva. Una giuria di esperti valuterà i lavori che perverranno alla sede nazionale di Cittadinanzattiva entro e non oltre il 9 Marzo.

  • Studente morto a scuola. Non fu la caduta dalla sedia. Ma gli arredi non sono a norma

    Sembrerebbe essere stato un malore, e non la caduta dalla sedia, a provocare venerdì 12 febbraio la morte di Christian Lombardozzi nell'aula nell'istituto alberghiero di Roccaraso che frequentava. A dirlo l'autopsia a cui è stato sottoposto nei giorni scorsi lo studente di diciassette anni.

  • Studente morto in scuola di Roccaraso: troppe aule con arredi non a norma

    “Ci uniamo al dolore della famiglia di Christian Lombardozzi, il diciassettenne morto nell’Istituto alberghiero Marchitelli di Roccaraso, cadendo da una sedia. Il dolore deve spingere tutti, ciascuno per il proprio ruolo, non solo ad individuare le responsabilità dell’accaduto ma anche a fare in modo che non capiti mai più una tragedia simile”, afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.
    A tre giorni dalla morte dello studente, 3 persone risultano indagate con l’ipotesi di omicidio colposo in concorso: la dirigente scolastica Maria Paola De Angelis; l'insegnante di biologia, Dino Di Meo, che al momento dell’accaduto si trovava in classe; il responsabile della società di consulenza che si occupa della sicurezza dell' istituto scolastico, Michele Verratti, ai quali è stato notificato l'avviso di garanzia.

  • X Edizione Premio Buone Pratiche Vito Scafidi

    vito scafidi murales

    Al via la X edizione del Premio Buone Pratiche sulla sicurezza e la salute a scuola intitolato a Vito Scafidi. Il concorso è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato nell'anno in corso o in quello passato progetti relativi a tre ambiti tematici: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva. L'obiettivo del Premio è far conoscere le buone pratiche presenti nelle scuole del nostro Paese. Ogni scuola può concorrere anche in più categorie di concorso. Il termine ultimo per inviare i progetti è il 9 Marzo.

  • Edilizia scolastica: Cittadinanzattiva e Legambiente scrivono al MIUR

    "Alle riunioni dell’Osservatorio per l'edilizia scolastica, indette da settembre ad oggi, siamo state invitate informalmente o non invitate affatto. Ci siamo ritrovate, insomma, in una situazione di totale incertezza rispetto all'essere o meno membri dell’Osservatorio e, conseguentemente, rispetto alle responsabilità in relazione a decisioni assunte dallo stesso. Conseguenza anche della mancata approvazione, da luglio 2015, di un decreto o regolamento attuativo al comma 159 della legge 107/2015 che stabilisca con chiarezza i criteri di partecipazione e il ruolo delle associazioni all'interno dell’Osservatorio”.

  • Indagini diagnostiche nelle scuole, ecco le graduatorie!

    La Buona scuola, (legge n. 107 - del 2015) ha autorizzato la spesa di 40 milioni di euro per il finanziamento di indagini diagnostiche degli edifici scolastici: questo consentirà di intervenire in circa 7000 edifici scolastici. Lo scorso ottobre è stato presentato sul sito del MIUR l'avviso pubblico per il finanziamento agli Enti Locali per effettuare le indagini dei solai di edifici scolastici pubblici.

  • Cittadinanzattiva e Legambiente scrivono al MIUR su edilizia scolastica

    “Una grande incertezza sul nostro ruolo e l’impossibilità di riportare le dovute osservazioni e proposte all'interno dell’Osservatorio nazionale dell’edilizia scolastica”, è quanto denunciano oggi Cittadinanzattiva e Legambiente in una lettera inviata al Ministro Giannini e al sottosegretario Faraone, coordinatore dell’Osservatorio.

    “Alle riunioni dell’Osservatorio, indette da settembre ad oggi, siamo state invitate informalmente o non invitate affatto. Ci siamo ritrovate, insomma, in una situazione di totale incertezza rispetto all'essere o meno membri dell’Osservatorio e, conseguentemente, rispetto alle responsabilità in relazione a decisioni assunte dallo stesso. Conseguenza anche della mancata approvazione, da luglio 2015, di un decreto o regolamento attuativo al comma 159 della legge 107/2015 che stabilisca con chiarezza i criteri di partecipazione e il ruolo delle associazioni all'interno dell’Osservatorio”.

  • Approvato Decreto per indagini solai nelle scuole: ora i cittadini vigilino


    “Un impegno importante da parte del Governo per la messa in sicurezza delle scuole, reso possibile anche grazie alle denunce e richieste avanzate da anni da Cittadinanzattiva” questo il commento di Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, alla firma del decreto con cui il MIUR lo scorso 10 dicembre ha approvato la graduatoria dei 7.304 istituti scolastici che beneficeranno di 36 milioni di euro per l’indagine diagnostica degli elementi strutturali e non strutturali.
    La graduatoria delle scuole che hanno richiesto il finanziamento è scaricabile dal sito del Ministero dell’Istruzione ed è divisa per regioni e per province http://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/indagini_diagnostiche.shtml.

  • La giornata della Sicurezza a Campobasso

    Lo scorso 28 novembre si è celebrata presso l'Istituto Comprensivo Petrone di Campobasso la "Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole".
    Nell'aula magna della scuola si sono alternati vari esponenti locali del comando dei Vigili del fuoco e di Cittadinanzattiva.
    Gli studenti hanno assistito alla proiezione del docu-film "Non chiamarmi terremoto", realizzato dal Dipartimento della Portezione civile.
    Guarda il servizio del TG3 Molise - 28 novembre ore 14.00

  • Dopo 13 anni, istituzionalizzata la nostra Giornata della sicurezza nelle scuole

    sicurezzascuolamiurjpg

    Oltre 7000 scuole coinvolte mediamente ogni anno, 15.000 studenti e genitori intervistati su rischio sismico e maremoto, 1.250 studenti formati come Responsabili Studenti Sicurezza. 2.300 edifici monitorati, oltre 1.500 progetti di buone pratiche raccolte. E ancora centinaia di incontri con esperti sulla sicurezza a scuola e sul territorio e con amministrazioni comunali, migliaia di prove di evacuazione effettuate nelle scuole; prove pratiche, giochi e laboratori con gli studenti su sicurezza, salute e benessere.

  • Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    giornata sicurezza 2015

    Dopo tredici anni, la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva diventa patrimonio di tutte le scuole.
    Centinaia gli appuntamenti in tutta Italia

    Oltre 7000 scuole coinvolte in media annualmente, 15.000 studenti e genitori intervistati su rischio sismico e maremoto, 1.250 studenti formati come Responsabili Studenti Sicurezza. 2.300 edifici monitorati, oltre 1.500 progetti di buone pratiche raccolte. E ancora centinaia di incontri con esperti sulla sicurezza a scuola e sul territorio e con amministrazioni comunali, migliaia di prove di evacuazione effettuate nelle scuole; prove pratiche, giochi e laboratori con gli studenti su sicurezza, salute e benessere. Sono alcuni dei numeri e degli esempi del lavoro fatto da Cittadinanzattiva con la campagna Impararesicuri sul tema della sicurezza nelle e delle scuole che oggi, a tredici anni dalla sua prima celebrazione nel 2002, trovano un riconoscimento importante con l’istituzionalizzazione da parte del MIUR della Giornata nazionale della sicurezza nelle scuoleche, a partire dal 2016, sarà celebrata ogni anno il 22 novembre.

  • Corcorso di idee #lamiascuolasicura

    10997062 1404172266562639 1891924260 n

    Pubblicato un nuovo Bando dal Miur questa volta sul tema della sicurezza nelle scuole. Si tratta di un vero e proprio concorso di idee con l'obiettivo di individuare proposte progettuali per la promozione del tema della sicurezza nelle scuole. Possono partecipare tutte le scuole di ogni ordine e grado anche organizzate in reti.

  • Il 20 novembre la Giornata nazionale della sicurezza delle scuole

    La Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, istituita dalla legge Buona Scuola, sarà al centro della mattinata di confronto, venerdì 20 novembre, al Ministero dell’Istruzione fra gli attori impegnati sul fronte della sicurezza a scuola e dell’edilizia scolastica.

  • Il 20 novembre al MIUR la Giornata nazionale della sicurezza delle scuole

    La Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, istituita dalla legge Buona Scuola, sarà al centro della mattinata di confronto al Ministero dell’Istruzione fra gli attori impegnati sul fronte della sicurezza a scuola e dell’edilizia scolastica.

    Il fitto programma di interventi si aprirà con il punto sulle politiche del governo a cura del Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone.

  • Nella foresta dei diritti un albero per la Scuola di Cittadinanzattiva

    la foresta dei diritti

    Un albero nella "foresta dei dirittti" creata da Leroy Merlin è dedicato alla rete Scuola di Cittadinanzattiva.
    L'iniziativa rientra nel progetto "Diritti per la nostra strada" finalizzato alla realizzazione e sottoscrizione del codice di condotta. Con questa azione Leroy Merlin ha voluto dimostrare il proprio impegno nella salvaguardia dell'ambiente, nel rispetto della legalità e dei diritti del consumatore. Per ogni codice di condotta siglato dai propri partner, l'azienda ha deciso di piantare un albero, creando una vera e prorpia riserva naturale nel Bosco d'Alcamo, i cui alberi furono distrutti a causa di un incendio doloso.

  • #lanostrascuola: un bando per la manutenzione nelle scuole

    8xmille scuola 2015 02 20

    Fondazione Mission Bambini e Fondazione con il sud hanno dato il via alla seconda edizione del bando #Lanostrascuola. Il bando che scade a fine Dicembre, mette a disposizione 300 mila euro che consentiranno a cittadini e soprattutto a genitori di acquistare del materiale per lavori di manutenzione all'interno delle scuole.

  • Cittadinanzattiva chiede approvazione emendamento M5S al DL 154/2015 per la messa in sicurezza delle scuole

    Edilizia scolastica: Cittadinanzattiva chiede approvazione emendamento M5S al DL 154/2015 per la messa in sicurezza delle scuole. Chiudere il filone #scuolebelle  a favore di #scuolesicure
    Cittadinanzattiva sostiene la proposta emendativa del M5S, a prima firma di Chiara Di Benedetto, all’art.1 “Misure urgenti  in materia sociale per garantire il decoro degli edifici scolastici” del DL 154/2015, e ne chiede l’approvazione da parte della V Commissione Bilancio della Camera dei Deputati.
    Una proposta che risponde alla richiesta che Cittadinanzattiva avanza da mesi affinché le risorse destinate a favore del filone “scuole belle” siano dirottate sugli interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, in particolare a vantaggio delle scuole del Sud e delle Isole che presentano maggiori problemi strutturali e manutentivi.

  • XIII Giornata Sicurezza nelle scuole

    Il 20 ed il 21 Novembre prossimi si terrà la XIII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole organizzata da Cittadinanzattiva che, come ogni anno, invierà gratuitamente un kit didattico agli istituti che ne faranno richiesta compilando l'apposito form presente sul sito: www.cittadinanzattiva.it. Affrettatevi! Sarà possibile iscrivere la propria scuola solo fino al 31 di ottobre.

    Per saperne di più leggi la lettera "XIII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole ".
    Iscrivi la scuola compilando il form.

  • Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, presto l'istituzionalizzazione

    adriana bizzarri camera dei deputati

    Si è tenuta il 30 settembre, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, la conferenza stampa per istituzionalizzare la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva da 13 anni. 

    Alla stessa hanno partecipato i parlamentari Umberto D'Ottavio e Davide Mattiello, (Pd), Sabrina Bono Capo Dipartimento del MIUR, Cinzia Caggiano madre di Vito Scafidi, Adriana Bizzarri di Cittadinanzattiva  e Paolo Pascucci della fondazione Benvenuti in Italia.

    Il 1 ottobre la riunione dell'Osservatorio nazionale sull'edilizia scolastica, con la partecipazione di Cittadinanzattiva e Legambiente

    "Chiediamo che la giornata sia intitolata - ha dichiarato Adriana Bizzari - a tutte le vittime della scuola italiana e che venga costituita una sorta di cabina di regia per individuare un piano nazionale e annuale delle attività"..
  • Cittadini “abusivi” a chi? La scuola è di tutti

    sala aldo moro scuola

    Fra le tante cose accadute il 18 settembre, nella giornata tutta dedicata alla scuola da noi promossa, vogliamo qui ricordarne una: quella di essere stati definiti “cittadini abusivi”. Per raccontarvelo, facciamo un passo indietro.

    I tre eventi nazionali organizzati a Roma il 18 settembre scorso - la presentazione del XIII Rapporto sulla sicurezza a Palazzo Montecitorio, l’installazione “La mia scuola è” a Piazza San Silvestro, la presentazione del libro “La cattiva scuola” di Alex Corlazzoli alla scuola “Di Donato” - sono stati accomunati da un’unica motivazione: parlare della scuola italiana a partire dai suoi protagonisti e dai suoi edifici.

  • Presentato il XIII Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualita' e accessibilita' a scuola

    La sicurezza delle scuole nel nostro Paese lascia ancora a desiderare: quattro edifici su dieci hanno una manutenzione carente, oltre uno su cinque presenta lesioni strutturali, in quasi la metà dei casi gli interventi strutturali non sono stati effettuati. L’Anagrafe dell’edilizia scolastica, varata ad agosto, resta ancora un’opera non aggiornata ed incompleta, non certo la fotografia nitida da cui partire per programmare la messa in sicurezza delle scuole.
    E’ questo il quadro presentato stamattina da Cittadinanzattiva con il XIII Rapporto su sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola. All'interno anche un focus du #scuolebelle.

    Leggi il comunicato stampa
    Consulta le infografiche qui e qui
    Scarica l'Abstract del Rapporto
    Scarica il report "Occhio all'Anagrafe'

  • Presentato il XIII Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualita' e accessibilita' a scuola

    XIII Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola: quattro scuole su dieci senza manutenzione.
    L’Anagrafe, una fotografia sfocata dell’edilizia scolastica. Chiudere i finanziamenti per #scuolebelle
    La sicurezza delle scuole nel nostro Paese lascia ancora a desiderare: quattro edifici su dieci hanno una manutenzione carente, oltre uno su cinque presenta lesioni strutturali, in quasi la metà dei casi gli interventi strutturali non sono stati effettuati. Più della metà delle scuole, inoltre, si trova in zona a rischio sismico e più di una su dieci a rischio idrogeologico. L’Anagrafe dell’edilizia scolastica, varata ad agosto, resta ancora un’opera non aggiornata ed incompleta, non certo la fotografia nitida da cui partire per programmare la messa in sicurezza delle scuole: un esempio, all’IC  S Eufemia di Gizzeria Lido (CZ) sono in corso lavori per sistemare molte delle criticità segnalate da Cittadinanzattiva, peccato che le condizioni in cui si trova la scuola non siano rilevate dalla Anagrafe. O ancora, la scuola elementare di Laigueglia (SV) risulta dal database come scuola sicura e senza necessità di particolari interventi, difatti lo stesso Comune l’aveva inserita tra i punti di ritrovo in caso di emergenza: peccato che a giugno un’intera parete della palestra sia crollata sull’adiacente ferrovia.

  • Sicurezza: la nostra scuola è....

    Il prossimo 18 Settembre a Roma, Cittadinanzattiva dedica tre eventi alla scuola. Alle 09:15, presentazione del XIII Rapporto sulla sicurezza, qualità, accessibilità a scuola con relativo focus "Scuole belle". Alle 15.30, inaugurazione della tappa romana dell'installazione "La mia scuola è". Per finire alle ore 18:00, all'Istituto "Manin - Di Donato" ci sarà la presentazione del libro "#lacattivascuola. Un'inchiesta senza peli sulla lingua", scritto da Alex Corlazzoli. Per partecipare agli eventi è necessario inviare una mail, specificando l'evento a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Scarica l'invito

  • "La mia scuola è" arriva a Napoli

    L'installazione "La mia scuola è" prosegue il suo viaggio e il 15 Settembre arriverà nella Piazza Trieste e Trento di Napoli.
    La struttura, completamente realizzata in legno, riproduce due aule scolastiche, una in cattive condizioni definita "ko", l'altra invece è all'avanguardia e definita "ok". Sarà possibile visitare l'installazione gratuitamente fino al 17 settembre. I visitatori saranno guidati dai nostri volontari attraverso un percorso interattivo alla scoperta dello stato delle scuole italiane. Scarica la locandina

  • Edilizia scolastica: nuova azione legale nei confronti del MIUR

    Il 30 giugno è passato e dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica ancora non c'è traccia. Di fronte all'ennesimo ritardo del Ministero dell'Istruzione e ad una promessa mancata, Cittadinanzattiva continua a battersi per la pubblicazione dei dati sulla sicurezza delle scuole e deposita un ricorso per chiedere l'ottemperanza del Ministero dell'istruzione ai fini della pubblicazione dell'Anagrafe.

  • Edilizia scolastica: nuova azione legale nei confronti del MIUR

    Di fronte all'ennesimo rinvio per la pubblicazione dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, che il Ministero dell’Istruzione aveva promesso per il 30 giugno, Cittadinanzattiva ha appena depositato un ricorso per chiedere l’ottemperanza del MIUR rispetto a quanto gli imponeva la sentenza esecutiva del Tar del Lazio del 2014
    “Con questa azione – spiega Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva - abbiamo chiesto al Giudice amministrativo di assegnare un termine di 30 giorni al Ministero dell’Istruzione e, in caso di ulteriore inadempimento, di nominare un commissario ad acta che provveda in via sostitutiva alla pubblicazione dei dati dell’Anagrafe dell’Edilizia scolastica ad oggi in possesso del Miur”.

  • Udine: dal 3 al 5 luglio "La mia scuola è"

    Si terrà ad Udine il prossimo 3 luglio, dalle ore 12:00 presso Piazza Marconi, la presentazione ufficiale della installazione in legno "La mia scuola è", promossa da Cittadinanzattiva, FederlegnoArredo Eventi e MADE Expo.
    L'installazione architettonica porterà nelle piazze italiane, da aprile a settembre, uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all'innovazione.

  • Petizione per l'Anagrafe dell'edilizia scolastica

     

    Si procede con la raccolta di firme per la petizione lanciata dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva per la pubblicazione dei dati relativi all'Anagrafe dell'edilizia scolastica, che il governo tarda a rendere noti.
    Al momento sono state raccolte più di mille firme, partecipa e diffondi anche tu la petizione!
    Leggi il volantino
    Firma su change.org

  • La mia scuola è alla Triennale di Milano

    lamiascuola

    La mia scuola è sbarca a Milano. In questi giorni l'installazione di Cittadinanzattiva si trova presso il giardino della Triennale di Milano, la visita è gratuita. L'intento di questa campagna che girerà 8 piazze italiane è mettere in risalto alcuni aspetti delle scuole del nostro paese, evdenziando la parte "ok" e la parte "ko". Durante la visita sarà possibile partecipare ad una survey on line sullo stato della propria scuola. Accorrete numerosi!!! Leggi di più

  • Gite scolastiche sicure: cosa sapere

    gite scolastiche

    Due milioni di studenti almeno una volta l’anno montano sull’autobus per viaggiare con la propria scuola. Ma spesso a fare la differenza è la sicurezza dei mezzi di trasporto a cominciare dal pullman: cinque euro in più o in meno a seconda che si tratti di veicoli con il tagliando o di altri presi con licenze poco affidabili e con le gomme lisce.

  • Scuola ok o ko? A Modena "La mia scuola è"

     scamodena

    Due mini aule scolastiche collegate da una passerella centrale: da un lato la classe "OK", dell'altro la classe "KO". È l’installazione in legno allestita in piazza Roma da questa mattina, venerdì 29 maggio: un percorso che consente al visitatore di toccare con mano la realtà della scuola italiana caratterizzata da gravi carenze e aspetti deficitari, ma anche da situazioni di eccellenza.
    È arrivata a Modena, unica tappa in Emilia-Romagna, “La mia scuola è”, il progetto itinerante promosso da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi che mette a confronto gli aspetti positivi con quelli negativi della scuola italiana. La campagna si svolge sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, in collaborazione con il Miur e il Dipartimento della Protezione civile, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

  • A Modena l'installazione "La mia scuola è"

     

    Dal 29 maggio al 4 giugno, "La mia scuola è", l'installazione in legno sulle due facce della scuola italiana promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi, farà tappa a Modena in Piazza Roma. Ad esattamente tre anni di distanza dal terremoto che, nel 2012, colpì l'Emilia Romagna, la presenza a Modena della nostra installazione sarà anche l'occasione per tenere alta l'attenzione sul tema della sicurezza nelle scuole nelle zone a rischio sismico.

  • "La mia scuola è" a Modena dal 29 maggio al 4 giugno

    Si terrà il prossimo 29 maggio a Modena, dalle ore 11:30 in Piazza Roma, la conferenza stampa ed inaugurazione della installazione in legno "La mia scuola è", promossa da Cittadinanzattiva, FederlegnoArredo Eventi e MADE Expo. La stessa sarà visitabile In Piazza Roma, dal 29 maggio al 4 giugno

    L'installazione architettonica porterà nelle piazze italiane, da aprile a settembre, uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all'innovazione.
    Sul sito web www.lamiascuola.org tutte le tappe della installazione.

  • Presentata a Padova "La mia scuola è"

    Documento senza titolo

    la mia scuola e padova

    Una installazione sulle due facce della scuola italiana promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi.

    È stata presentata oggi a Padova "La mia scuola è", un'installazione architettonica che, da aprile a settembre,  porterà nelle piazze italiane uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all'innovazione.

    L'installazione, promossa da Cittadinanzattiva, FederlegnoArredo Eventi e MADE Expo,  sarà visitabile In Piazza Portello fino all’8 maggio.

    “La mia scuola è” farà tappa in 8 città: dopo Torino (24-26 aprile) e Padova (4-8 maggio), sarà la volta di Modena (29 maggio - 4 giugno), Spoleto (5-7 giugno), Udine (3-5 luglio), Napoli (11-16 settembre), Roma (17-20 settembre), Milano (data da definirsi). Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web www.lamiascuola.org.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.