giornata sicurezza scuola2017

Tremila istituti scolastici partecipano oggi alla Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva. Oltre trenta le città, fra cui Roma, Napoli, Torino, Pisa, Chieti, Cagliari, Potenza, in cui si svolgono eventi di formazione ed informazione, nonché prove pratiche sui temi della sicurezza e della gestione dei rischi nel contesto scolastico e sul territorio. I Piani di emergenza comunali e nelle scuole rappresentano i temi centrali delle iniziative; due strumenti che è fondamentale conoscere per adottare comportamenti corretti e garantire la rapida evacuazione dalla scuola in caso di emergenza (terremoto, incendio, alluvione) e offrire percorsi e luoghi sicuri ove ripararsi in città.

Sul sito web www.cittadinanzattiva.it è disponibile un Manuale pratico “A scuola di sicurezza”, su cui famiglie, studenti e personale scolastico possono trovare informazioni utili e semplici sul tema della sicurezza scolastica.

La situazione delle scuole dal punto di vista della sicurezza non è affatto positiva, come mostrano i nostri dati (Rapporto Impararesicuri, settembre 2017) e i ripetuti casi di crollo.

Una scuola su quattro ha una manutenzione inadeguata e solo il 3% è in ottimo stato. Un quarto circa di aule, bagni, palestre e corridoi presenta distacchi di intonaco; segni di fatiscenza, come muffe ed infiltrazioni, sono stati riscontrati nel 37% delle palestre, nel 30% delle aule, nel 28% dei corridoi, nel 24% dei bagni. Nello scorso anno scolastico abbiamo avuto notizia, tramite la stampa locale, di 44 episodi di crolli e, da settembre ad oggi se ne sono verificati altri 14: scuola elementare Moleti di Palermo (il 14/09); istituto tecnico Sella di Torino (27/09); Istituto EUROFORM di Palermo (2/10); Liceo Virgilio di Roma (7/10); Istituto Garibaldi di Agrigento (8/10);  Ist. Compr. Via Puccini di Supersano – LE (9/10); Scuola Primaria di Sinnai – CA (14/10); Scuola primaria Cuman-Pertile di Marostica – VI (17/10); Scuola Bartali di Reggio Emilia (6/11); Ist. Tecnico Volta di Aversa – CE (8/11); Istituto Montini di Campobasso (16/11); scuola primaria di Ugento – LE (17/11); scuola primaria di Taurisano – LE (18/11); scuola primaria via Machiavelli di Cagliari (20/11).

“Senza un’Anagrafe dell’edilizia scolastica aggiornata e completa, ci chiediamo come possano essere individuati gli istituti e decisi gli interventi prioritari da attuare con i fondi stanziati di recente dal MIUR con il Piano Triennale di 1 miliardo e 58 milioni di euro, soprattutto in quelle Regioni, come Calabria, Campania e Sicilia, destinatarie di una buona fetta degli stanziamenti, ma che risultano più indietro nell’aggiornamento dell’Anagrafe. Chiediamo a Ministero ed Enti locali di rispettare la scadenza di dicembre per l’avvio della nuova Anagrafe o almeno per un aggiornamento dell’esistente”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva. “Si tratta di un Piano condivisibile e importante per far fronte ad una situazione che, come mostrano i nostri dati, resta ancora di assoluta emergenza per l’edilizia scolastica del nostro Paese, soprattutto per le scuole del Sud Italia.

Prevenire i crolli di soffitti e solai, mettere in sicurezza le scuole situate in zone ad elevato rischio sismico ed idrogeologico restano oggi più che mai una priorità, per la quale i fondi 2017-2019 restano sicuramente un impegno importante. Oltre che varare una nuova Anagrafe, è indispensabile sostenere i Comuni e le Province non dotati di risorse e competenze tecniche adeguate affinché possano accedere al Fondo triennale con progetti di intervento mirati secondo un criterio di urgenza”.

Cittadinanzattiva promuove dal 2003 la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole che è  stata riconosciuta dal MIUR con la Legge 107/2015. L’edizione 2017 si svolge con il Dipartimento della Protezione civile e con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, e con il sostegno di CIA – Confederazione Italiana Agricoltori e di Apoteca Natura.

 

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.