AscoliPiceno sicurezza scuola

Da Milano a Messina, da Torino a Napoli, passando per Chioggia, Oristano, Campobasso, l’Aquila, Policoro e Crotone, sono oltre 30 gli appuntamenti in tutta Italia promossi da Cittadinanzattiva, in occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole che si celebra ufficialmente il 22 novembre ma le cui iniziative animeranno tutta la settimana in corso.

Circa mille le scuole che formalmente hanno aderito alla Giornata che si svolge con la collaborazione del Dipartimento della Protezione civile e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: negli istituti sarà distribuito il materiale predisposto da Cittadinanzattiva sul rischio sismico e su quello alluvione.

Ad Ascoli Piceno si svolgerà mercoledì 23 novembre l’evento nazionale, dal titolo “La scuola che vorrei”, in programma presso il Polo Culturale Sant’Agostino, Corso Mazzini 90, dalle ore 10:00 alle ore 14:00. L’evento ha ricevuto il patrocinio del Comune di Ascoli Piceno.

Gli studenti di tre scuole di Ascoli, coordinati dagli artisti di “Pinacci nostri” e da Cittadinanzattiva, saranno protagonisti di un’attività artistica che, partendo dalle difficoltà, dai disagi, dalle emozioni vissute con il terremoto, attiverà un percorso creativo volto a immaginare e progettare “La scuola che vorrei”.

10.00 Accoglienza degli studenti dell’Istituto Comprensivo Ascoli Centro – “D’Azeglio”, dell’Istituto Tecnico “Mazzocchi”, dell’Istituto Statale d’Arte “Osvaldo Licini”

10.20 Interventi di saluto di Cittadinanzattiva e delle Autorità presenti

10.50 Inizio delle attività degli studenti coordinate da “Pinacci Nostri”, progetto di Street Art dal basso

11.30 Artisti all’opera: Carlo Gori, Luigi Ambrosetti Lac68, Oscar William Money

13.00 Presentazione delle opere collettive realizzate dagli studenti e dagli artisti

14.00 Conclusione della manifestazione

Al link sono disponibili i materiali della Giornata e l’elenco delle iniziative sul territorio.

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.