cani randagi

Un dossier della LAV accende i riflettori su un fenomeno che si ripercuote negativamente sull’economia locale e sulle risorse naturali del paese. Il dossier intitolato: “Randagismo, cosa è cambiato in 10 anni” riporta i dati comunicati da quasi tutte le regioni italiane (non pervenute Calabria e Campania) riguardanti la presenza di cani e gatti censiti in strutture come canili sanitari, rifugi, gattili e colonie feline.

Si può dire che il problema si manifesta in due ambiti: gli animali detenuti nei canili e nei gattili in attesa di adozione, e quelli vaganti senza controllo nelle città e nelle campagne. Se del primo gruppo si può quantificare il numero, del secondo esistono solo stime, per di più datate.

APPROFONDISCI 

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.