dolore cronico copia

Lo scorso 16 giugno, al termine del semestre di presidenza maltese, il Consiglio dell'Unione europea occupazione, politica sociale, salute e consumatori (EPSCO) ha adottato le sue conclusioni per aumentare l'efficacia, l'accessibilità e la resilienza dei sistemi sanitari in tutta l'Unione Europea, individuando settori prioritari in cui la cooperazione tra i sistemi sanitari può essere un valore aggiunto.

Tra le risoluzioni adottate, figura anche un importante traguardo per i pazienti affetti da dolore cronico: i ministri della salute europei hanno invitato gli Stati Membri a mettere in campo azioni volte a favorire l'accesso alle cure dei pazienti affetti da malattie rare e dolore cronico, riconoscendo, al contempo, “la necessità di mantenere un equilibrio tra innovazione, disponibilità e accessibilità, anche economica".

Un risultato decisivo per i pazienti, ma anche per tutta la comunità da tempo attiva e impegnata sul tema della lotta al dolore che lo scorso 8 giugno si riuniva proprio a Malta, per l'appuntamento annuale del SIP- Societal Impact of Pain Symposium (simposio sull'impatto sociale del dolore). Il SIP, promosso da Efic (European Pain Federation) e Grünenthal in partenariato con la rete europea di Cittadinanzattiva, Active Citizenship Network, e Pain Alliance Europe, si era concluso con chiare raccomandazioni sulle politiche da adottare per sensibilizzare le istituzioni europee e nazionali, migliorare la terapia del dolore nell'Unione Europea e, più in generale, la situazione dei pazienti affetti da dolore cronico. Leggi le conclusioni

flag eng

Classe ’87, di origine campana. Laurea in lingue e letterature straniere e master in marketing e strategia digitale. Appassionata di viaggi, libri e (buona) cucina, a Cittadinanzattiva lavora nella rete europea, Active Citizenship Network.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.