Migliorare la cooperazione tra le autorità nazionali dei consumatori

Il 14 novembre 2017 il Parlamento europeo ha approvato il nuovo quadro relativo alla cooperazione per la tutela dei consumatori. Proposto dalla Commissione nel maggio 2016, il regolamento aggiorna le norme sui diritti dei consumatori e punta a migliorare il meccanismo di cooperazione a livello dell'UE per la tutela dei consumatori. In primavera la Commissione presenterà il nuovo accordo per i consumatori.

Una volta in vigore, il nuovo quadro darà maggiori poteri alle autorità pubbliche per indagare e porre fine alle pratiche illegali e introdurrà un meccanismo di cooperazione transfrontaliera rapido ed efficiente tra le autorità nazionali. Qualora la Commissione venisse a conoscenza di un problema che riguarda almeno due terzi degli Stati membri e due terzi della popolazione dell'UE, sarà in grado di invitare le autorità nazionali a indagare sul caso. Se dall'indagine emerge che le leggi dell'UE sono state violate, la Commissione coordinerà le conseguenti azioni transfrontaliere che dovranno prendere le suddette autorità. Queste norme rispondono anche alla necessità di una migliore applicazione del diritto dell’UE in materia di protezione dei consumatori, in particolare online. Dalla pubblicazione del regolamento sulla Gazzetta ufficiale, gli Stati membri avranno fino a 24 mesi per assicurarsi che le loro autorità competenti siano pronte a soddisfare le nuove norme.

Qui una scheda informativa (in inglese) per approfondire.

Romana, classe '80. Arrivata a Cittadinanzattiva direttamente dal Master in comunicazione pubblica e istituzionale de La Sapienza nel 2006. Si è occupata di relazioni istituzionali e ora coordina il networking tra le associazioni che animano la rete europea Active Citizenship Network.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.