Di fronte a 33 aule su 62 di fatto inagibili e di fronte all’impossibilità di avviare i lavori per mancanza di fondi, i genitori si schierano in prima fila per garantire il diritto allo studio dei loro figli. Accade al liceo «Pizzi» di Capua, dove, dopo il crollo del controsoffitto a maggio scorso e il sequestro che ne è seguito, si è intensificato il pressing delle famiglie nei confronti della Provincia, responsabile dell’edilizia scolastica.

 Il default delle casse rischia addirittura di non far cominciare regolarmente il prossimo anno scolastico. E per questo i genitori, accanto ad una manifestazione di protesta, avviano una raccolta fondi per eseguire gli interventi necessari a poter utilizzare le aule. 

Leggi la notizia sul quotidiano Il Mattino di Napoli.

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.