Cittadinanzattiva, attraverso le sue reti del Tribunale per i Diritti del Malato e del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici, intende realizzare una campagna di informazione rivolta ai medici e ai cittadini/pazienti al fine di rafforzare l’alleanza tra i due attori protagonisti del percorso di cura e concretizzare il suo impegno su questioni particolarmente sentite dai cittadini in questo ambito. 

La necessità di occuparsene deriva dal fatto che dai dati emersi dal XV Rapporto sulle Politiche delle Cronicità la comunicazione medico/ paziente è peggiorata e gli ambiti nei quali si riscontrano maggiori carenze sono: poca sensibilità nell’ascolto del paziente, 78%; sottovalutazione dei sintomi 44%; poca reperibilità 42%; poca empatia 36%; mancanza di un professionista di riferimento a causa di eccessivo turn over 36%; scarsa disponibilità all’orientamento 30%; linguaggio poco comprensibile o troppo tecnico 26%;

Stesse criticità si evincono anche nel XIX Rapporto PIT salute, che evidenzia segnalazioni di disagio dei cittadini nei confronti del Medico di Medicina Generale, (59.2%), della Guardia Medica (27.7%), del Pediatra di libera scelta (13.1%).

Obiettivi del progetto

Creare consapevolezza relativa ai diritti e doveri che il medico ha nei confronti del paziente, nel pieno esercizio della propria missione di cura e quelli che, parallelamente, ha il paziente che deve diventare sempre più cosciente del fatto che la propria partecipazione attiva, informata e la piena adesione al percorso di cura proposto sono fattori determinanti per i ripristino dei livelli di salute:

  • Supportare il clinico ad esercitare la professione come prevede il codice deontologico, in piena autorevolezza e forza intellettuale e etica
  • Aiutare la persona malata ad appropriarsi del diritto ad essere attore protagonista nelle scelte e consapevole del proprio percorso di cura, esercitando i propri diritti e doveri
  • Rafforzare la relazione e l’alleanza terapeutica

L’iniziativa, realizzata con il contributo non condizionato di Abbvie, ha la finalità ultima di contribuire a migliorare la relazione tra il medico e il paziente, consapevoli del fatto che il trattamento clinico corretto è una scelta importante, ma è necessario anche che ci sia alla base empatia, conoscenza e fiducia fra chi cura e chi è curato.

Strumenti della campagna:

  • Vademecum: una guida contenente le nozioni più importanti allo scopo di fornire risposte rapide e concise con un linguaggio chiaro e semplice e consigli su stili di vita, abitudini e scelta terapeutica per migliorare il rapporto medico-paziente.
  • Decalogo: una sintetica rappresentazione, di una serie di regole, di principi e comportamenti cui fare riferimento. Utilizzando parole e consigli chiave sui diritti e doveri del medico e del paziente.

Anno di realizzazione: in corso

Per contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tiziana Nicoletti, calabrese di nascita, classe ’71. Laurea in Giurisprudenza, master in Diritto del lavoro. Mi sono occupata dei diritti di minori stranieri non accompagnati. Il mio punto di forza è la famiglia. Per Cittadinanzattiva mi occupo di consulenza in ambito sanitario per il PiT Unico.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.