screnning pagina sito copia

Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) si prende cura della tua salute! Per questo la prevenzione e la diagnosi precoce rientrano nei Livelli Essenziali di Assistenza, cioè tra le prestazioni essenziali che devono essere garantire a tutti i cittadini nel nostro Paese. Anticipare la diagnosi di un tumore può cambiare significativamente il decorso della malattia o evitare che lesioni a rischio si traducano in malattie conclamate. Per questo da circa 20 anni il Servizio Sanitario italiano promuove programmi organizzati di screening oncologici di popolazione per il cancro della cervice uterina, della mammella e del colon retto, cioè per quei tumori che colpiscono maggiormente la popolazione italiana e per i quali esiste un’evidenza di efficacia.

I programmi di screening per queste tre neoplasie sono organizzati a livello nazionale, seguono procedure rigorose, basate su evidenze scientifiche e si rivolgono a tutta la popolazione nelle fasce di età considerate a maggior rischio per queste patologie. Le persone appartenenti alle popolazioni-target vengono invitate a sottoporsi gratuitamente a un test di screening: pap-test o HPV test per la cervice uterina, mammografia per la mammella o ricerca del sangue occulto nelle feci o rettosigmoidoscopia per il colon-retto.

Da Novembre 2016 Cittadinanzattiva ha lanciato una campagna informativa da supporto al programma nazionale di screening per il cancro alla mammella, al colon retto e alla cervice uterina. L’obiettivo è raggiungere una larga fascia della popolazione al fine di informarla sull’importanza della prevenzione e ad aumentare, di conseguenza, l’adesione agli screening organizzati.

La campagna informativa si pone, l’obiettivo di raggiungere tutta la popolazione e le persone che rischiano di non essere a conoscenza dei programmi di screening regionali (ciò a causa di difficoltà nella mobilità, per ragioni spesso culturali o anche economiche ritenute, a torto,  a carico del paziente) e di aumentare il numero degli screening in due realtà (prese a campione) dove l’accesso risulta deficitario.

Sarà realizzato un bando per i volontari delle 300 sedi locali del Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva al fine di selezionare due ASL in cui l’adesione agli screening è minore; in queste ASL, in accordo con i dirigenti, si elaborerà un’analisi delle cause di discostamento dall’obiettivo insieme ai cittadini, ai farmacisti, ai medici responsabili dei servizi e si elaborerà un programma di intervento e di miglioramento oltre ad un piano di implementazione del numero di screening effettuati.

 

 

Per avere maggiori informazioni contatta: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Anno realizzazione: 2016 – in corso

Con il contributo non condizionato di "Medtronic Foundation"

 

Lucia Valente

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.