disinformazione

Il web come mezzo di informazione è sotto minaccia.
Al pari della televisione e della radio, informarsi tramite il web non pone l'utente al riparo da rischi.
L'Agcom - Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - in un comunicato di pochi giorni fa, segnala che durante il 2018 il volume di disinformazione online ha raggiunto il livello massimo in corrispondenza delle elezioni politiche del 4 marzo e della successiva formazione del nuovo governo. La disinformazione ha interessato l’8% dei contenuti informativi online prodotti mensilmente lo scorso anno e ha riguardato soprattutto argomenti di cronaca e politica (nel 53% dei casi) e notizie di carattere scientifico (18% dei contenuti).


Leggere ed informarsi su un portale online che riporti notizie inattendibili, distorte, prodotto di un'errata comprensione dei fatti o ancor peggio una mancata verifica delle fonti, genera effetti distorsivi nella formazione dell’opinione pubblica. E questo è un danno non da poco, capace di ripercuotersi nelle scelte politiche e non del cittadino.
Il termine inglese "fake news" indica la produzione di contenuti informativi di scarsa qualità, capaci, per mezzo di elementi di richiamo quali titoli, immagini o didascalie, di generare una rappresentazione fuorviante e falsificata della realtà.
La capacità di tutti noi di compiere una scelta sapiente e mirata dei contenuti informativi, resta una sfida lunga ed ancora aperta.

Approfondisci

Classe '86, nato a Roma, studi universitari a Parigi che culminano con la laurea in legge. Si definisce "feliciclista" urbano, ha incontrato Cittadinanzattiva lungo la sua strada percorrendola...per aspera ad astra!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.