bonus tv

Molto presto i televisori che abbiamo in casa dovranno essere sostituiti oppure adattati. Questo è l'effetto del passaggio dallo standard di trasmissione televisivo DVB (digital video broadcasting) T1 al DVB T2. Ma c'è tempo fino a fine 2022 per completare la transizione e adattarsi con gli apparecchi necessari alla nuova tecnologia.

Come anticipato, in alcuni casi non è necessario cambiare televisore: è il caso di un apparecchio acquistato a partire dal 1° luglio 2016, giorno in cui i produttori di televisori si sono dovuti adeguare inserendo un sintonizzatore capace di ricevere le frequenze del DVB-T2.

Se invece doveste essere costretti a prenderne uno nuovo potrebbe essere conveniente già anticipare l’acquisto e usufruire del Bonus TV 2019. Infatti, tutti coloro che tra il 2019 e il 2021 acquisteranno una nuova TV compatibile con la nuova tecnologia, o un decoder, avranno diritto a uno sconto sul prezzo, purché siano residenti in Italia e appartengano alla fascia ISEE I (10.632,94 euro) e II (21.265,87 euro). Il Bonus TV 2019 consiste in uno sconto (si era parlato di 50 euro, ma la consistenza del contributo non è stata ancora confermata dal Mise) applicato direttamente dal venditore sul prezzo del televisore o del decoder.

Nel momento dell’acquisto del televisore, bisognerà dimostrare al venditore con un’autodichiarazione di essere in possesso dei requisisti di reddito ISEE I o II e che i componenti del nucleo stesso non abbiano già fruito del beneficio.

Per saperne di più

Classe '86, nato a Roma, studi universitari a Parigi che culminano con la laurea in legge. Si definisce "feliciclista" urbano, ha incontrato Cittadinanzattiva lungo la sua strada percorrendola...per aspera ad astra!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.