impatto economico

Il 18 aprile, a Parigi, è stato presentato il documento “Trade in Counterfeit and Pirated Goods: Mapping the Economic Impact” risultato del lavoro congiunto dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).
In base all’analisi quantitativa dei dati di quasi mezzo milione di sequestri doganali sono stati stimati gli effetti economici della contraffazione e della pirateria sugli scambi internazionali. Il valore del commercio internazionale di merci contraffatte, secondo gli ultimi dati del 2013, raggiunge 338 miliardi di EUR pari al 2,5 % degli scambi commerciali a livello mondiale.

I risultati evidenziano come la tipologia di prodotti contraffatti è piuttosto eterogenea e comprende anche articoli che impattano sulla sicurezza personale danneggiando maggiormente i marchi registrati nei paesi dell’OCSE e dell’UE.
Dallo studio è emerso che la provenienza dei prodotti contraffatti può essere attribuita a tutte le economie. È stato rilevato, altresì, che le violazioni riguardano in maniera crescente le economie emergenti che svolgono spesso un ruolo centrale nella produzione di merci contraffatte o come zone di transito. Questo testimonia come il fenomeno della contraffazione metta a forte rischio le società innovative indipendentemente dalla loro ubicazione, motivo per cui, è necessario che tutti i governi abbiano a disposizione dati affidabili per comprendere il pericolo che tale fenomeno implica. Come dichiara Antonio Campinos, Direttore esecutivo dell’EUIPO, “Questa relazione fornisce loro un contributo per lo svolgimento di tale compito”
Approfondisci la campagna contro la contraffazione "Io sono Originale" realizzata da diverse associazioni dei consumatori tra cui Cittadinanzattiva

Metà campana metà romana, poliedrica, e alla continua ricerca del bello nella fotografia e nell’arte attraverso i suoi quadri. Da 10 anni impegnata in Cittadinanzattiva, sempre in difesa e a tutela dei cittadini, in particolare per l’area consumatori e le politiche della conciliazione. Il suo motto è ”Il mondo non è di chi si alza presto la mattina, ma di chi si alza felice di iniziare una nuova giornata

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.