stupro

Una sentenza shock quella emessa dalla Corte di Appello di Ancona che ha assolto due giovani condannati per violenza sessuale in primo grado perché la vittima, una ragazza di origini peruviane di 22 anni, è troppo mascolina e poco avvenente. Questo si legge nelle motivazioni della sentenza. Quindi, alle tre magistrate giudicanti, è parso poco credibile che la ragazza sia stata vittima di stupro, argomentando e basando la propria decisione su un fatto puramente estetico. Un ragionamento a dir poco inverosimile, oltretutto assunto da tre giudici donne, che ha sollevato estremo scalpore ma che ha fatto immediatamente sobbalzare dalla sedia il procuratore generale della Corte di Cassazione che ne ha evidenziate alcune incongruenze e vizi di legittimità.

E’ stata la Suprema Corte a decidere di annullare la sentenza di di secondo grado e a disporre un rinvio per un nuovo processo di appello, mentre il Ministero ha deciso le opportune verifiche.

Approfondisci

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.