permesso di soggiorno

La Corte di giustizia dell’Unione europea boccia l’Italia. Un cittadino straniero paga tra gli 80 e i 200 euro per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno: una cifra sproporzionata secondo i giudici europei che, con una recente sentenza, hanno cassato la normativa italiana e stabilito che il costo eccessivo del permesso rappresenta un ostacolo per i diritti dei cittadini extracomunitari.

A presentare il ricorso al Tar del Lazio contro le normative in vigore, sono stati la Cgil e l'Inca (Istituto nazionale confederale assistenza); le due associazioni si sono rivolte al Tribunale amministrativo regionale facendo presente la natura sproporzionata del costo complessivo della pratica, di circa otto volte superiore rispetto a quanto versano i cittadini italiani per il rilascio di un titolo analogo.
Approfondisci e leggi la sentenza.

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.