Approvata a marzo dalla Camera, la legge delega sulla riforma del processo civile ad oggi non ha ancora avviato il suo iter al Senato ed all'interno della riforma c’è una parte che parte che riguarda la giustizia minorile, fiore all’occhiello dell’Italia, e dei Tribunali per i minorenni.

Quello che si prevede e che sta destando clamore è proprio l’abolizione del Tribunale per i minorenni, in favore di nuove sezioni specializzate, che molti vedono a dispetto del nome come una perdita drastica della specializzazione dei magistrati che si occupano di minori, portando nella maggior parte d'Italia, ad una situazione nella quale si occuperanno di questioni delicatissime (penale minorile, abuso sessuale in infanzia, separazioni ad alta conflittualità, maltrattamenti ai bambini) magistrati che non hanno specializzazione sui temi che riguardano i minori. Molte le organizzazioni che hanno aderito alla petizione, tra cui il Gruppo CRC di cui fa parte anche Cittadinanzattiva. Approfondisci, leggi le osservazioni del Gruppo CRC e firma la petizione su www.change.org

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.