telefono per un rifugiato

"Per i prossimi minuti il tuo telefono sarà il telefono di un rifugiato": così si legge nella didascalia del video-esperimento realizzato dalla BBC Media Action, che utilizza il potere dei media e della comunicazione per contribuire a ridurre la povertà e sostenere le persone a comprendere i loro diritti, per raccontare e rivivere l'impressionante viaggio di un rifugiato.

Il video porta gli spettatori direttamente dentro il cellulare di un migrante: “Per i prossimi minuti il tuo telefono è quello di un rifugiato”. E così inizia il viaggio, con le mappe che tracciano il percorso e i messaggi costanti agli amici e parenti. Ma anche diversi problemi tecnici, come la card che non funziona o la batteria che costantemente si spegne e le avversità metereologiche. E per tutto il tempo lo spettatore vive l’ansia del rifugiato, che parte potenzialmente dal proprio Paese di Origine verso l'Europa, per raccontare e reinterpretare una storia tratta dai tanti racconti di chi ha vissuto uno dei viaggi più drammatici di questi tempi, quello attraverso il Mediterraneo. Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.