terremoto amatrice

Su l’Espresso è stato pubblicato un servizio dedicato al terremoto che ha colpito il Centro Italia lo scorso agosto per tracciare un primo bilancio, a distanza di un mese, sulla ricostruzione. Secondo i dati raccolti, il dopo-terremoto 2016 ha già imboccato la strada lastricata d’oro che aveva guidato l’emergenza a L’Aquila nel 2009: cioè la via dello spreco, con un dispendio notevole di soldi pubblici e senza reali benefici per la popolazione.  

Perché le case provvisorie costano più di tutti gli edifici della zona e la Protezione civile ha un modello che favorisce lo sperpero. Continua a leggere su www.espresso.repubblica.it

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.