vacciniscuola

Con il decreto Milleproroghe approvato la scorsa settimana attraverso la fiducia del Parlamento, l'obbligo vaccinale per l'iscrizione a scuola è definitivamente slittato a marzo. Ciò significa che alle famiglie basterà consegnare alla scuola una documentazione che attesti che ci si è attivati nei confronti della ASL per adempiere all'obbligo entro i termini previsti.

Ma quali sono effettivamente i documenti da presentare? Orizzonte Scuola ha stilato un vademecum:

  • In una prima fase i genitori possono consegnare copia del libretto vaccinale, che non avendo però valore legale, avrà bisogno di essere integrata in un secondo momento con il timbro della ASL.
  • Se la copia del libretto vaccinale è da subito timbrata dalla ASL di competenza, questa assume valore legale e viene accettata dalla scuola.
  • Nel caso in cui non si consegni il libretto vaccinale, si può produrre un'autocertificazione firmata da entrambi i genitori, in cui si attestano le vaccinazioni effettuate (o la richiesta prodotta nei confronti della ASL di competenza per adempiere all'obbligo entro marzo). Naturalmente, trattandosi di un'autocertificazione si ha valore legale fino a prova di falso: ciò significa che la scuola è tenuta ad effettuare gli opportuni controlli per valutarne la veridicità.
  • Nel caso in cui se ne dovesse valutare la non autenticità, potrebbero scattare sanzioni penali per i genitori
  • Nel caso in cui ci sia rischio per il minore, l'obbligo di vaccinazione viene annullato. In questo caso i genitori devono produrre adeguata documentazione che attesti la sospensione della vaccinazione, indicando anche se è temporanea o definitiva


    Approfondisci su Studenti.it e scopri come tutelare i tuoi diritti in ambito vaccinale con la nostra campagna #Rompilatrasmissione
Classe '88, Roncionese fino al midollo, ho problemi con la L ma mi impegno costantemente per migliorare. Laurea in comunicazione d’impresa e master in marketing management. Adoro il mondo della pubblicità, in particolare la guerriglia e la new advertising. Ricatto le persone pur di fare una campagna on-line. “Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l'orologio per risparmiare il tempo”. A Cittadinanzattiva lavoro nell'Ufficio Stampa e comunicazione.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.