Consulta l'elenco delle Buone Pratiche presentate e guarda le foto dell'evento

Nel 2010 sono stati celebrati i trenta anni di attività del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. In questa occasione si è ritenuto opportuno valorizzare le esperienze positive diffuse nel nostro Paese che abbiano al centro l'umanizzazione delle cure, prestando attenzione in particolare a soggetti più fragili come: bambini, anziani, persone con sofferenza mentale.

 

Quest’anno abbiamo voluto ripetere l’esperienza come importante segno di continuità del lavoro che stiamo portando avanti in ambito di umanizzazione delle cure. Il 10 novembre scorso infatti si è tenuta la cerimonia di premiazione dell’edizione Premio Andrea Alesini 2011 presso l’Auditorium del Ministero della Salute.

Il progetto che ha ottenuto il Patrocinio del Senato della Repubblica e della Conferenza delle regioni, ha visto i seguenti vincitori e menzionati:

Primo premio: Comunicazione Aumentativa Alternativa (C.A.A.) in ambito infermieristico. Servizio Professioni Sanitarie - Azienda Sanitaria ULSS n.3,  Bassano del Grappa (VI);

Secondo premio: "A scuola con NEMO"- Fondazione Serena ONLUS - Centro Clinico NEMO, Milano;

Terzo premio: "Il bisogno di cure palliative nella persona con patologia infettiva cronica in fase terminale di malattia"- Hospice Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "L. Spallanzani" - IRCCS, Roma.

Menzioni speciali:

Menzione speciale "pediatria”:


Menzione speciale "salute mentale"

Menzione speciale "prevenzione del rischio nella pratica medica ed assistenziale"


Menzione speciale  alla ASL di Bassano del Grappa (VI) per l'impegno dimostrato a livello di assistenza territoriale negli ambiti di: oncologia, pediatria, gestione del dolore e partecipazione civica.

Ringraziamo Farmindustria per aver contribuito alla raccolta e diffusione delle Buone pratiche - Premio Alesini 2011.

farmindustria logo

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.