areeinterne

Si è conclusa la fase pilota del progetto “L'accesso ai servizi bancari nelle aree interne” che Cittadinanzattiva e UniCredit hanno realizzato in partnership nell’ambito di “Noi&UniCredit”, l’accordo di collaborazione fra l’istituto e 14 Associazioni dei Consumatori di rilevanza nazionale a cui Cittadinanzattiva partecipa fin dal 2005.
Questa prima fase del progetto ha coinvolto le aree interne del Matese (Campania), Valnerina (Umbria) e Alta Carnia (Friuli Venezia Giulia), con l’obiettivo comune di rafforzare la digitalizzazione, la consapevolezza finanziaria e l’imprenditorialità delle aree del paese significativamente distanti dai centri di offerta di servizi essenziali (istruzione, salute e mobilità).
Il progetto ha previsto: - la creazione di una rete di facilitatori, che a seguito di un’adeguata formazione sui temi bancari e finanziari, sono diventati il punto di riferimento su questi temi per i residenti delle aree interne e limitrofe; - un ciclo di seminari di educazione digitale, finanziaria e sviluppo dell’autoimprenditorialità rivolti a cittadini e micro imprenditori, resi possibili grazie al contributo della “Social Impact Banking” di UniCredit attraverso i propri contenuti formativi e le competenze di dipendenti della Banca e di volontari UniGens; - la realizzazione di una indagine per comprendere e monitorare i bisogni delle popolazioni residenti nei tre territori.


Al questionario hanno risposto oltre 1.500 cittadini egualmente distribuiti tra uomini (48%) e donne (52%), e con un’età compresa fra i 18 e i 50 anni per il 52%. Il 41% degli intervistati definisce “area interna” il territorio in cui vive, a fronte di un 26% e di un 23% che lo definisce, rispettivamente, “rurale” o “isolato”. Il 61% afferma di conoscere cosa sia un’area interna, ma il 77% non è a conoscenza dell’esistenza di una Strategia nazionale dedicata alle stesse e l’83% non è stato in alcun modo coinvolto nel processo della Strategia nazionale relativo alla propria area di appartenenza.
Alla domanda se negli ultimi 5 anni siano diminuiti i servizi offerti nel territorio, la risposta è stata affermativa per il 71% degli intervistati, per i quali i servizi notevolmente diminuiti sono per il 24% relativi alla cura della salute, il 22% alla mobilità, il 17% all’istruzione. Viene poi segnalata la progressiva riduzione del numero di esercizi commerciali di vario genere (20%) e, in particolare, di
generi alimentari per il 9%. Infine l’8% dei cittadini segnala la diminuzione di sportelli bancari sul territorio.
Dalla survey emerge poi come l’evoluzione digitale del rapporto banca-cliente si avverta anche nell’aree interne: infatti se la modalità di accesso ai servizi bancari è lo sportello bancario nel 42% dei casi, dato che riflette una popolazione prevalentemente anziana di queste aree, il 32% degli accessi avviene invece on-line tramite il sito web (17%) o l’APP della banca (15%) direttamente dal
proprio smartphone o tablet. Sul fronte dei pagamenti digitali gli abitanti delle aree interne sono più pronti alla rivoluzione
digitale di quanto si potrebbe pensare. L’80% degli intervistati infatti, dichiara di possedere uno strumento di pagamento elettronico: in prevalenza carte di debito (46%) ma anche carte di credito (26%) e prepagate (16%). Sul fronte dei servizi erogati dalla propria banca gli intervistati evidenziano un buon grado di soddisfazione (l’88% degli intervistati afferma infatti di esserne soddisfatto o molto soddisfatto) e sottolineano l’importanza che le banche rispondano alle esigenze dei residenti fornendo un’informazione chiara e accessibile, e favoriscano educazione finanziaria e orientamento.

Approfondisci e scarica l'indagine.

 

Classe '86, nato a Roma, studi universitari a Parigi che culminano con la laurea in legge. Si definisce "feliciclista" urbano, ha incontrato Cittadinanzattiva lungo la sua strada percorrendola...per aspera ad astra!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.