immaginesito nuova

 

SALUTE

Se uso la mascherina sono più protetto?
A seguito dell’evoluzione riguardante gli studi relativi alla diffusione del virus COVID-19, e alle raccomandazioni del Ministero della Salute e dell’ISS, è stato previsto, attraverso il DPCM 26 Aprile 2020, di indossare la mascherina per ridurre la trasmissione del contagio.
L’obbligo di usare protezioni per le vie respiratorie è previsto in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, e in tutte le situazioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza.
Tale obbligo non è previsto per i bambini al di sotto dei 6 anni, ai soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina oppure ai soggetti che interagiscono con i predetti.

Cosa succede se ho un piano terapeutico in scadenza in questi giorni o nelle prossime settimane? Devo andare in ASL o in Ospedale per il rinnovo? Per ottenere i farmaci e i presidi come mi comporto?
Se soffri di una patologia cronica e hai un piano terapeutico in scadenza, c'è una misura dell'AIFA (Agenzia Italiana del FArmaco) che stabilisce il rinnovo automatico dei piani terapeutici per altri 90 giorni (la circolare è stata emessa giorno 11/03/2020); in questo modo non è più necessario recarsi in ASL o in ospedale, ma basta contattare il Medico da famiglia il quale ti consegnerà la tua prescrizione da utilizzare in farmacia per ottenere i farmaci o presidi necessari. 

Recentemente l’AIFA, a seguito dell’attuale situazione legata al COVID, ha raccomandato di continuare a ricorrere, per quanto possibile, a modalità di monitoraggio e rinnovo del piano terapeutico a distanza, anche attraverso l’acquisizione in formato elettronico della documentazione sanitaria, o consultazione telefonica del paziente o del suo caregiver. Tale modalità di estensione è fortemente raccomandata soprattutto in contesti nei quali, per criticità locali legati alla pandemia, non sia ancora possibile seguire i percorsi di ordinario monitoraggio delle terapie soggette a piano terapeutico.

Per ogni informazione aggiuntiva contatta il tuo Medico di famiglia o la tua ASL di riferimento.

Sono previste misure di tutela per chi è in attesa di un bambino o ha partorito da poco? Come ci si comporta per le visite, gli esami e i ricoveri?
Le attività programmate di ambito oncologico (incluse le prestazioni di II livello previste dalle campagne di screening oncologico) e quelle volte alla tutela della salute materno-infantile, quindi in Ostetricia e Ginecologia, sono da considerarsi indifferibili sia per gli ambulatori che per i ricoveri. Lo dice il Ministero della Salute in una comunicazione di indirizzo del 31/03/2020. Ecco la lista delle prestazioni:
 
Ostetricia:  
- Esami ematochimici previsti nell’allegato 10.B DPCM 12.1.17
- Prima visita ostetrica da eseguirsi entro la 12° settimana come da linea guida ISS per la gravidanza fisiologica
- Visite ostetriche urgenti per: contrazioni uterine, minaccia di aborto, minaccia di parto pretermine
- Test di screening delle aneuploidie test combinato (se previsto dal SSR)
- Ecografia Ostetriche I° Trimestre  
- Ecografia V mese morfologica
- Ecografie Ostetriche III° Trimestre solo se sussistono fattori di rischio quali diabete gestazionale, ritardo di crescita, pregresso taglio cesareo, ipertensione etc .
- Ambulatorio Gravidanza a Rischio Ospedaliero (dove verranno effettuate visite ed ecografie ostetriche)
- Diagnosi Prenatale (villocentesi, amniocentesi, esami correlati)
- Monitoraggio del benessere fetale (cardiotocografia…)
- Tampone vagino-rettale ricerca SGB a 37 settimane  
- Prelievi microbiologici per sospetta infezione vulvo-vaginale
- Garantire tecniche farmacologiche e non farmacologiche per il controllo del dolore in travaglio 14. Visita post-partum
- Consulenza psicologica se sussistono fattori di rischio per gravida o puerpera

Ginecologia:
- Certificato interruzione volontaria di gravidanza con ecodatazione  
- IVG (Interruzioni volontarie di gravidanza)
- Visite ginecologiche per: Perdite ematiche anomale, emorragie, algie pelviche significative 
- Infezioni vulvo vaginali acute
- Ecografia ginecologica per sospetto oncologico
- Screening colpo-citologico di II° livello per pazienti ad aumentato rischio di K portio (H SIL, AGC etc)  
- Isteroscopie per sospetto oncologico
- Procedure di PMA (Procreazione medicalmente assistita) esclusivamente per pazienti già in trattamento che devono effettuare prelievo ovocitario ed embriotransfer
- Interventi chirurgici ginecologi per patologia oncologica 

É vero che non è più necessario recarsi dal Medico di famiglia per ritirare le "ricette"? Qual è la procedura? Posso usare il Fascicolo Sanitario Elettronico?
Con l'Ordinanza di Protezione Civile del 19/03/2020 viene stabilito che i Medici - di famiglia, quelli delle Guardie Mediche, gli specialisti ambulatoriali e in generale tutti i Medici convenzionati con il SSN - possono inviare ai propri assistiti la ricetta elettronica o il numero corrispondente attraverso varie modalità, agevolando i cittadini e riducendo ulteriormente i rischi derivati dagli spostamenti: 

- via mail (sia Posta Elettronica Certificata che Posta Elettronica Ordinaria) come allegato;
- tramite SMS o applicazione di messaggistica (es. Whatsapp);
- telefonicamente. 

Se hai attivato il FSE (Fascicolo Sanitario Elettronico) la ricetta dematerializzata vi sarà automaticamente inserita e potrai consultarla usando le tue credenziali. Una volta ottenuta la ricetta o il Numero di Ricetta Elettronica è sufficiente recarsi o contattare la farmacia o la struttura di erogazione e munirsi della TEAM/Tessera Sanitaria per ottenere le prestazioni prescritte (ad esempio farmaci, visite, etc.).

Prima dell'emergenza Covid19 avevo prenotato una visita con il SSN. Sarà rimandata? E in caso di intervento o esame che succede?
Le disposizioni del Ministero (a partire dal 16/03/2020) indicano come le Regioni debbano organizzare la gestione delle prestazioni sanitarie durante il periodo di emergenza; ogni Regione e ASL, quindi, garantisce le prestazioni in urgenza o con alto grado di priorità, cioè quelle contrassegnate dai codici U (Urgente) e B (attesa Breve). Stesso discorso per quanto riguarda i ricoveri.

Con l’inizio della cosiddetta “Fase 3”, sono state emanate delle nuove linee guida per quanto concerne il ripristino della normale attività per quanto concerne le visite specialistiche, gli esami e gli interventi cosiddetti “differibili”. Potete trovare le informazioni dettagliate consultando il nostro speciale al seguente indirizzo: (ACCESSO ALLE CURE SANITARIE E LISTE D’ATTESA)

Sono previste misure specifiche per incrementare il personale sanitario, oltre ai Medici di famiglia?
Per rafforzare i controlli anti-virus in porti e aeroporti, arriva più personale al ministero della Salute. Uno stanziamento ad hoc consente al ministero di assumere 40 medici, 18 veterinari e 29 tecnici per “potenziare le attività di vigilanza, di controllo igienico-sanitario e profilassi svolte presso i principali porti e aeroporti”. Per il personale medico previsto un pagamento maggiorato dello straordinario. Viene incrementato il personale medico e infermieristico militare per 320 unità, di cui 120 medici e 200 infermieri, attraverso l’arruolamento straordinario e temporaneo, con una ferma eccezionale della durata di un anno.

Che accade ai servizi socio-assistenziali? Saranno sospesi? A chi chiedere informazioni se ho un parente che è assistito in queste strutture?
Le ultime disposizioni sospendono l’attività ordinaria dei Centri semiresidenziali a carattere socio-assistenziale, socio-educativo, polifunzionale, socio-occupazionale, sanitario e socio-sanitario per persone con disabilità; durante questo periodo di emergenza le Pubbliche amministrazioni si organizzano con il personale disponibile a fornire prestazioni in forme individuali domiciliari o a distanza. Contatta la tua ASL o il Medico di famiglia per sapere come comportati nella situazione che riguarda la persona che assisti.

Quali sono le situazioni in cui aumenta il rischio di contagio?
Il nuovo Coronavirus (Covid-19) si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata; per contatto stretto si intende la permanenza in un ambiente chiuso - ad esempio, nella stessa stanza, casa o in aereo/treno – o comunque a distanza ravvicinata.

Cosa posso fare per informarmi sul Coronavirus?
Segui online le pagine ufficiali del Ministero e della tua Regione: vengono continuamente aggiornate per fornire ai cittadini le informazioni utili e le direttive sia per la prevenzione che per la tutela. Se hai dubbi o necessiti di altre informazioni non chiamare il 112 o il 118, ma il tuo Medico di famiglia/Pediatra. Ricorda anche che il numero di pubblica utilità 1500 è a disposizione proprio per evitare di intasare i canali di emergenza con richieste non urgenti. Tutte le Regioni hanno anche attivato Numeri Verdi per dare informazioni ai cittadini residenti sul territorio (per informazioni relative alla tua regione di residenza, verifica sul sito della Conferenza delle Regioni.

Cosa faccio se penso di esser entrato in contatto con il virus?
Chiama immediatamente il tuo Medico di famiglia/Pediatra o, se non disponibile, il numero 1500, il 112 o 118: ti verranno sottoposte alcune domande e riceverai indicazioni su come comportarti. In caso di rischio sono previste diverse misure che vanno dalla quarantena (10 giorni) al ricovero in struttura.

Se lavo spesso le mani posso abbassare il rischio di contagio?
Le mani vanno lavate spesso e accuratamente con acqua e sapone/disinfettante (con alcol minimo 60%) per almeno 60 secondi: in questo modo diminuisce drasticamente il rischio di contagio.

Posso effettuare delle analisi presso i laboratori privati per sapere se ho contratto il Coronavirus?
Non è possibile diagnosticare il Coronavirus attraverso le analisi convenzionali; la diagnosi si effettua nelle strutture autorizzate e comunque solo con le indicazioni dei soggetti competenti (Medico di famiglia/Pediatra/ASL). 

Quando devo chiamare il 112, il 118 o il numero della mia Regione?
Se accusi sintomi influenzali e problemi respiratori anche di lieve entità: ti verranno fatte delle domande e riceverai istruzioni per gestire la situazione.

Quando devo chiamare il 1500?
Il numero di pubblica utilità 1500 è stato istituito dal Ministero della Salute. Chiama il 1500 se vuoi avere informazioni generali sul Coronavirus, sui comportamenti da adottare e sui soggetti da contattare in caso di necessità. Per informazioni relative alla tua regione di residenza, verifica sul sito della Conferenza delle Regioni.

Cosa si sta facendo per combattere la diffusione e del virus e la malattia che genera?
Si sta lavorando a farmaci, per curare chi ha la malattia in corso, e a vaccini, per prevenire il contagio soprattutto per chi è in condizioni di fragilità.

Ho dei parenti ricoverati in RSA: posso andare a trovarli? Ci sono limitazioni nei giorni/orari di ricevimento? E in ospedale? A chi posso chiedere informazioni?
Le disposizioni nazionali stabiliscono che se devi accompagnare qualcuno al Pronto Soccorso non devi rimanere nella sala d’attesa, ad eccezione dei casi in cui si accompagni un minore o una persona non autosufficiente. Per lo stesso motivo di prevenzione, anche se vuoi andare a trovare qualcuno ricoverato in una RSA o struttura simile, devi informarti chiedendo alla Direzione Sanitaria quali sono i casi e le modalità in cui sono ammesse le visite.

Ci sono misure particolari per gli anziani? E per chi soffre di patologie particolari? A chi chiedo più informazioni su come comportarmi?
La normativa nazionale raccomanda la massima cautela proprio agli anziani e a chi si trova in una condizione di vulnerabilità del sistema immunitario, in quanto si tratta di persone più a rischio; è opportuno, se ti trovi in questa condizione o se assisti qualcuno che vi si trova, rispettare una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro (soprattutto nei luoghi affollati). Se hai bisogno di informazioni che riguardano la prevenzione da contagio per te o per le persone che assisti, ricorda sempre di contattare il tuo Medico di famiglia.

Cosa dicono le nuove disposizioni in merito ai comportamenti da adottare?
Si ribadisce che i pazienti con sintomi simil-influenzali, influenzali o sospetti di COVID-19 non devono recarsi presso gli ambulatori dei Medici di medicina generale, dei Pediatri di libera scelta, dei Medici di continuità assistenziale o nei Pronto soccorso,  ma devono contattare telefonicamente il proprio Medico di medicina generale o il Pediatra di libera scelta o il Medico di continuità assistenziale, oppure ancora la centrale operativa del 112/118.

Sono state stabilite altre misure, in particolare per chi fa utilizzo di particolari dispositivi medici?
Per coloro che necessitano della fornitura di ossigeno e la ricarica dei presidi portatili per l’ossigenoterapia, Federfarma ha emanato una circolare nella quale si chiede a tutti i pazienti che fanno uso dei suddetti dispositivi di restituirli alle farmacie di riferimento in modo da poter ottenere la necessaria ricarica in tempi brevi per tutti coloro che ne hanno necessità.

Ci sono disposizioni che riguardano anche i Medici di famiglia?
Per la durata dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, i medici iscritti al corso di formazione in medicina generale e i laureati in medicina e chirurgia abilitati possono chiedere di instaurare un rapporto con il SSN per un periodo determinato. Inoltre, vengono creati dei presidi speciali, uno ogni 50.000 abitanti, per la gestione domiciliare dei pazienti che non necessitano di ricovero ospedaliero.

Quali sono le tipologie di test attualmente disponibili e validati dal Ministero della Salute?
I test attualmente disponibili sono di 3 diversi tipi:

1) Test molecolare (c.d. “Tampone Naso-Faringeo”)

È il test attualmente più affidabile per la diagnosi di infezione da coronavirus. Viene eseguito su un campione prelevato con un tampone a livello naso/oro-faringeo, e quindi analizzato attraverso metodi molecolari per l’amplificazione dei geni virali maggiormente espressi durante l’infezione. L’analisi può essere effettuata solo in laboratori altamente specializzati, individuati dalle autorità sanitarie, e richiede in media dalle due alle sei ore.
 
2) Test antigenico (c.d. “Tamponi Rapidi”)
Questa tipologia di test è basata sulla ricerca, nei campioni respiratori, di proteine virali (antigeni). Le modalità di raccolta del campione sono del tutto analoghe a quelle dei test molecolari (tampone naso-faringeo), i tempi di risposta sono molto brevi (circa 15 minuti), ma la sensibilità e specificità di questo test – a seguito di una validazione effettuata su campioni conservati a -80°C – sembrano essere inferiori a quelle del test molecolare.  Ciò comporta la possibilità di risultati falso-negativi in presenza di bassa carica virale (tC>25), oltre alla necessità di confermare i risultati positivi mediante un tampone molecolare. Ulteriori validazioni eseguite su campioni “freschi” (appena prelevati) hanno invece mostrato elevata sensibilità e specificità. Questo “tampone rapido” è stato recentemente introdotto per lo screening dei passeggeri nei porti e negli aeroporti, dove è importante avere una risposta in tempi rapidi. Pur considerando la possibilità di risultati falso-positivi e di falso-negativi, grazie all’uso di tali test rapidi è stato intercettato comunque un rilevante numero di contagiati, probabilmente con alte cariche virali.

3) Test salivari molecolari e antigenici
Recentemente sono stati proposti sul mercato test che utilizzano come campione da analizzare la saliva. Il prelievo di saliva è più semplice e meno invasivo rispetto al tampone naso-faringeo, quindi questa tipologia di test potrebbe risultare utile per lo screening di grandi numeri di persone. Come per i tamponi, anche per i test salivari esistono test di tipo molecolare e di tipo antigenico. In genere la saliva non si presta bene all’utilizzo con le apparecchiature di laboratorio altamente automatizzate, di regola utilizzate per processare elevati volumi di campioni molecolari, perché essa ha densità variabile e può creare problemi ai sistemi di pescaggio ad alta automazione. Inoltre, per quanto riguarda i test antigenici, la sensibilità del test è simile a quella dei test antigenici rapidi solo nel caso in cui il test venga effettuato in laboratorio, quindi, a meno che non si attivino unità di laboratorio presso i punti dove viene effettuato il prelievo, difficilmente è utilizzabile in contesti di screening rapido.

Sono stato a contatto con una persona risultata positiva al COVID. Per quanto dovrò restare in quarantena?
In questa situazione specifica il protocollo prevede un isolamento fiduciario di 10 giorni, al termine del quale andrà effettuato un tampone antigenico rapido che, in caso di esito positivo, dovrà essere seguito da quello molecolare. Dopo aver effettuato il tampone, in attesa del risultato, si deve obbligatoriamente rimanere presso la propria abitazione e rispettare le regole su igiene e distanziamento fisico, evitando assolutamente ogni contatto diretto con familiari e altre persone.

Sono risultato positivo al COVID. Per quanto dovrò restare in quarantena?
Il Comitato Tecnico Scientifico, accogliendo le linee guida internazionali e adottando il principio di massima cautela, ha distinto diverse situazioni, e relativi protocolli da seguire, in base alla tipologia di positività al COVID del paziente.

- CASI POSITIVI ASINTOMATICI - 
Nel caso in cui la diagnosi, confermata da test molecolare positivo, restituisca la positività al COVID, ma si risulti privi di sintomi evidenti, il protocollo prevede che venga osservato un isolamento di 10 giorni. Al termine di questo periodo, dovrà essere effettuato un tampone molecolare.

- CASI POSITIVI SINTOMATICI - 
Nel caso in cui la diagnosi, confermata da test molecolare positivo, restituisca la positività al COVID, e si sia anche in presenza sintomi evidenti, il protocollo prevede che venga osservato un isolamento di 10 giorni. Al termine di questo periodo, nel quale è previsto che gli ultimi 3 giorni debbano essere totalmente privi di ogni sintomo, dovrà essere effettuato un tampone molecolare.

- CASI POSITIVI SINTOMATICI E ASINTOMATICI CHE NON SI NEGATIVIZZANO DOPO 21 GIORNI -
Se a seguito del test molecolare effettuato al termine dei 10 giorni di isolamento venga riscontrata nuovamente la positività al COVID, il protocollo prevede che vengano osservati ulteriori 11 giorni di isolamento domiciliare (per un totale di 21 giorni complessivi), al termine dei quali verrà eseguito un ulteriore tampone molecolare.

Nei casi asintomatici l'isolamento si interrompe comunque al 21esimo giorno, in quanto le evidenze disponibili non documentano alcun caso di presenza di virus competente per la replicazione.

Oltre all’isolamento, devo osservare ulteriori comportamenti in caso di positività al COVID?
Durante il periodo di quarantena sono previsti diversi comportamenti da adottare in casa, sia se si abita da soli che nel caso in cui si condivida l’abitazione con altre persone. Le disposizioni comuni prevedono:
- pulizia e disinfezione quotidiana dei mobili della camera da letto, dei servizi igienici e delle superfici dei bagni con prodotti a base di cloro (candeggina) alla concentrazione di 0,5% di cloro attivo oppure con alcol al 70%;
- non differenziare i rifiuti di casa;
- vestiti, lenzuola e asciugamani utilizzati, vanno lavati a 60°/90° con un normale detersivo.

Nel caso in cui si viva con altre persone, è necessario inoltre:
- evitare movimenti negli spazi comuni della casa e i contatti con i conviventi non positivi, soprattutto se sono presenti persona che sono a più alto rischio di sviluppare forme gravi di malattia (ad es. persone con età maggiore di 65 anni o persone con altre patologie);
- se ciò non fosse possibile, indossare una mascherina chirurgica e mantenere una distanza di almeno 2 metri;
- non scambiare mai posate, bicchieri, piatti e asciugamani, telefoni, computer o altri oggetti con i conviventi;
- utilizzare sacchetti separati per riporre la biancheria sporca;
- se si tossisce o stranutisce, coprire bocca e naso nella piega del gomito con un fazzoletto monouso.


TRASPORTI E SPOSTAMENTI

In data 7 Settembre, il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha prorogato le disposizioni che tutti gli utenti dei servizi di trasporto pubblico dovranno rispettare per contenere la diffusione del COVID. Queste prevedono:

  • Divieto di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico se si hanno sintomi riconducibili ad infezioni respiratorie acute (febbre, tosse, raffreddore);
  • Acquisto, ove possibile, dei titoli di viaggio in formato elettronico, online o tramite app;
  • Seguire la segnaletica e i percorsi indicati all’interno delle stazioni o alle fermate, mantenendo sempre la distanza di almeno 1 metro dalle altre persone;
  • Utilizzo delle porte di accesso ai mezzi indicate per la salita e la discesa, rispettando sempre la distanza interpersonale di sicurezza di 1 metro;
  • Sedersi solo nei posti consentiti, mantenendo il distanziamento dagli altri occupanti;
  • Evitare di avvicinarsi o di chiedere informazioni al conducente;
  • Nel corso del viaggio, igienizzare frequentemente le mani ed evitare di toccarsi il viso;
  • Indossare obbligatoriamente una mascherina, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca.

***************************************

TRASPORTO MARITTIMO

A seguito del DPCM 7 Settembre 2020, per tutti i passeggeri del trasporto marittimo sono previsti i seguenti obblighi al fine di prevenire la diffusione del virus:

  • Evitare, per quanto possibile, i contatti tra personale di terra e personale di bordo;
  • Indossare obbligatoriamente una mascherina, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca;
  • Evitare ogni forma di assembramento tra le persone in transito e rispettare la distanza interpersonale di 1 metro.

***************************************

TRASPORTO FERROVIARIO

A seguito del DPCM 7 Settembre 2020, il quale ha prorogato quanto previsto dal DPCM dell’8 Agosto, per tutti i passeggeri del trasporto ferroviario sono previsti i seguenti obblighi al fine di prevenire la diffusione del virus:

  • Indossare obbligatoriamente una mascherina, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca;
  • La salita e la discesa dei passeggeri devono avvenire nel rispetto del tempo necessario ad evitare il contatto tra coloro che scendono e coloro che salgono;
  • Rispetto del distanziamento fisico di 1 metro a bordo con applicazione di marker sui sedili non utilizzabili.

Trenitalia

Avevo acquistato un abbonamento mensile/trimestrale/annuale ma, a seguito del lockdown dei mesi precedenti, non ho potuto usufruirne nei mesi precedenti. Posso chiederne il rimborso parziale?
Sì. L’art. 209-duodecies del “Decreto Rilancio”, emanato il 17 Maggio 2020, ha previsto la possibilità di richiedere il rimborso della quota parte di abbonamento non usufruita nei mesi del lockdown. Per richiedere il rimborso è necessario presentare un’autocertificazione riportante l’impossibilità di utilizzare, del tutto o in parte, il titolo di viaggio nei mesi interessati dalle misure governative, allegando ad essa la documentazione comprovante il possesso del titolo di viaggio. 
Entro 15 giorni dalla ricezione della comunicazione, il vettore provvederà al ristoro attraverso una delle seguenti modalità:
1) emissione di un voucher di importo pari all’ammontare della quota relativa al periodo di non fruizione, da utilizzare entro 1 anno dall’emissione;
2) prolungamento della durata dell’abbonamento per un periodo corrispondente a quello durante il quale non ne è stato possibile l’utilizzo.

Ho prenotato un biglietto Trenitalia ma devo rinunciare al viaggio per COVID. Posso aver il rimborso? 
I viaggiatori possono ottenere il rimborso integrale per rinuncia al viaggio anche per biglietti acquistati dopo il 23 febbraio 2020, indipendentemente dalla tariffa, presentando la richiesta entro i termini indicati nelle disposizioni nazionali in materia e giustificando il mancato viaggio con i seguenti motivi:

  • per quarantena, permanenza domiciliare e per tutti i viaggi con arrivo o partenza nelle aree indicate dal provvedimento;
  • per viaggi programmati per partecipare a gite scolastiche, concorsi, manifestazioni, eventi o riunioni che sono stati annullati, rinviati o sospesi;
  • per viaggi programmati verso l’estero dove è impedito o vietato l’arrivo secondo le disposizioni emanate.

Per i treni a media e lunga percorrenza, il rimborso integrale è in bonus utilizzabile entro un anno. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito web form disponibile su trenitalia.com o presso qualsiasi biglietteria.

Per i treni regionali, il rimborso integrale è in denaro. La richiesta può essere effettuata compilando l’apposito modulo on line o presso le biglietterie. 

***************************************

TRASPORTO AEREO

LIMITAZIONI E RESTRIZIONI DI VIAGGIO

A seguito dell’aumento dei cosiddetti “casi di rientro” e del numero di casi registrati negli altri Stati, europei e non, si è provveduto a disciplinare gli spostamenti e le misure di sicurezza da adottare per gli Stati ritenuti più a rischio. L’elenco fornito dal DPCM è articolato come segue:

  • Gruppo A - San Marino e Città del Vaticano: nessuna limitazione;
  • Gruppo B - PAESI UE (tranne quelli che sono indicati negli elenchi C e D), SCHENGEN, Andorra, Principato di Monaco: sono consentiti gli spostamenti senza necessità di motivazione e senza obbligo di isolamento al rientro Rimane però l’obbligo di compilare un’apposita dichiarazione, disponibile QUI.
  • Gruppo C – Belgio, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Repubblica Ceca, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Regno Unito, Irlanda del Nord (inclusi isole del Canale, Gibilterra, isola di Man e basi britanniche nell’isola di Cipro ed esclusi i territori al di fuori del continente europeo): non sono previste limitazioni agli spostamenti VERSO questi paesi.
    Coloro che invece ENTRANO/RIENTRANO in Italia da questi Paesi (dopo soggiorno o transito), oltre a compilare un’autodichiarazione, debbono anche:
    a) presentare un’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo;
    b) sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine (ove possibile) entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento.
    c) comunicare immediatamente il proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, anche se asintomatici;
    d) segnalare con tempestività la situazione all’Autorità sanitaria, in caso di insorgenza di sintomi COVID-19, attraverso i numeri telefonici dedicati e sottoporsi ad isolamento fiduciario.
  • Gruppo D - Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Romania, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay: sono consentiti gli spostamenti da/per questi Paesi senza necessità di motivazione, quindi anche per turismo. Tuttavia, al rientro in Italia, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria.
  • Gruppo E - Resto del mondo: gli spostamenti da/per il resto del mondo sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni, quali: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo. Il rientro in Italia da questo gruppo di Paesi è sempre consentito a cittadini italiani/UE/Schengen e loro familiari, nonché ai titolari di regolare permesso di soggiorno e loro familiari. Al rientro in Italia da questi Paesi, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, compilare un’apposita dichiarazione nella quale si deve indicare la motivazione che consente il rientro e si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, ma senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione).

    NON È PERMESSO L’INGRESSO IN ITALIA DAI SEGUENTI PAESI
  • Gruppo F - Armenia, Bahrein, Bangladesh, Bosnia Erzegovina, Brasile, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana: da questi Paesi è ancora in vigore un divieto di ingresso in Italia, con l’eccezione dei cittadini UE e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del 9 Luglio 2020. Sono esclusi dal divieto di ingresso anche equipaggi e personale viaggiante dei mezzi di trasporto, funzionari, agenti diplomatici e personale militare nell’esercizio delle loro funzioni. Gli spostamenti dall’Italia verso questi Paesi sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni, quali: lavoro, motivi di salute o di studio, assoluta urgenza, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo. Al rientro in Italia da questi Paesi, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, compilare un’apposita dichiarazione nella quale si deve indicare la motivazione che consente il rientro (possesso di cittadinanza UE/Schengen o condizione di familiare di cittadino UE e residente in Italia) e si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, ma senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione).
  • Kosovo, Montenegro: da questi Paesi è ancora in vigore un divieto di ingresso in Italia, con l’eccezione dei cittadini UE e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del 16 Luglio 2020. Non sono quindi consentiti spostamenti per turismo. Al rientro in Italia da questi Paesi, è necessario sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria, compilare un’apposita dichiarazione nella quale si deve indicare la motivazione che consente il rientro (possesso di cittadinanza UE/Schengen o condizione di familiare di cittadino UE e residente in Italia) e si può raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato (è consentito il transito aeroportuale, ma senza uscire dalle zone dedicate dell’aerostazione).
  • Colombia: da questo Paese è in vigore un divieto di ingresso (in base all’Ordinanza del Ministero della Salute del 12 Agosto 2020), con l’eccezione dei cittadini UE e loro familiari che abbiano la residenza anagrafica in Italia da prima del 13 Agosto 2020. Si applicano le stesse restrizioni previste per i Paesi dei due paragrafi precedenti.

AGGIORNAMENTI NUOVE ORDINANZE
Si rende noto che, a seguito dell’ordinanza 9 Gennaio 2021, tutti coloro che rientrano da Gran Bretagna e Irlanda del Nord, sono obbligati a fare il tampone naso-faringeo e ad osservare un periodo di quarantena domiciliare pari a 14 giorni.

Si rende inoltre noto che, a seguito dell’ordinanza 13 Febbraio 2021, tutti coloro che rientrano dall’Austria, sono obbligati a fare il tampone naso-faringeo e ad osservare un periodo di quarantena domiciliare, pari a 14 giorni, e di effettuare un ulteriore tampone naso-faringeo (molecolare o rapido) una volta decorso tale periodo.

Sempre a seguito dell’ordinanza 13 Febbraio 2021, si rende noto che sono vietati l’ingresso e il transito nel territorio nazionale alle persone che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Brasile. Tale previsione è derogata solamente nei seguenti casi:
a) si è in possesso della residenza anagrafica in Italia da data anteriore al 13 febbraio 2021;
b) si è espressamente autorizzati dal Ministero della Salute;
c) si è parte del corpo di funzionari e/o degli agenti, comunque denominati, dell’Unione Europea o di organizzazioni internazionali.

LINK UTILI: 
Ente Nazionale per l’aviazione civile
Viaggiare Sicuri

 ***************************************

SPOSTAMENTI

Sono previste delle limitazioni per quanto riguarda i passeggeri trasportati durante un viaggio in auto?
Il Governo, attraverso le FAQ disponibili sul proprio sito, ha disposto che il trasporto in auto di persone non conviventi debba essere fatto osservano le seguenti accortezze:

  • il guidatore deve trovarsi alla guida senza il passeggero al suo fianco;
  • possono essere trasportati, sui sedili posteriori, un massimo di 2 persone per fila;
  • è fatto obbligo a tutti i passeggeri di indossare la mascherina a bordo dell’autovettura.

È ancora previsto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto?
A seguito del DPCM 7 Ottobre 2020, è stato reintrodotto l’obbligo su tutto il territorio italiano di indossare la mascherina anche all’aperto se in presenza di persone non conviventi. È stato inoltre ampliato l’obbligo per quanto riguarda i luoghi chiusi, comprendendo ora la totalità di essi e non solo quelli “chiusi aperti al pubblico” (con esclusione della propria abitazione).

Sono esenti dai suddetti obblighi i bambini al di sotto dei 6 anni, gli sportivi nell’esercizio dell’attività e le persone con disabilità non compatibili con l’uso della mascherina.

È vero che sono nuovamente previste limitazioni agli spostamenti in alcune Regioni?
Sì. A seguito del DPCM 3 Novembre 2020, è stata creata una divisione del territorio italiano in 3 diverse zone, classificate in base ai colori “giallo”, “arancione” e “rosso”. Per ognuno di questi scenari sono previste differenti limitazioni agli spostamenti, più o meno restrittive. Nel dettaglio:

  • Zona “Gialla”: in tale situazione, è possibile muoversi sia all’interno del proprio Comune che verso altri Comuni della stessa Regione, anche per andare a trovare amici e/o parenti (massimo 1 volta al giorno). Risulta però stabilito lo stop alla mobilità sul territorio a partire dalle ore 22:00 e fino alle ore 5:00, con eccezione per coloro che si spostano per motivi di lavoro, salute, attività formative e/o scolastiche, o per motivi di estrema necessità. Coloro che effettuano spostamenti motivati dalle suddette cause, devono portare con sé il “modulo di autocertificazione”, scaricabile ( QUI ).
  • Zona “Arancione”: in questa situazione, risulta vietato lo spostamento dal proprio Comune, ma è consentita la visita a parenti e amici una volta al giorno (sempre all’interno del proprio Comune). Permane il divieto di circolazione dalle ore 22:00 alle ore 5:00. Tale divieto prevede eccezioni per coloro che si spostano per motivi di lavoro, salute o estrema necessità. Coloro che effettuano spostamenti motivati dalle suddette cause, devono portare con sé il “modulo di autocertificazione”, scaricabile ( QUI ).
  • Zona “Rossa”: in questa situazione, è stabilito il divieto di circolazione, sia nel proprio Comune che nella propria Regione, senza nessun limite di orario, e non è consentito andare a trovare amici e/o parenti. Rimane sempre attiva la fascia del coprifuoco dalle ore 22:00 alle ore 5:00. Tale divieto prevede eccezioni per coloro che si spostano per motivi di lavoro, salute o estrema necessità. Coloro che effettuano spostamenti motivati dalle suddette cause, devono portare con sé il “modulo di autocertificazione”, scaricabile ( QUI ).

AGGIORNAMENTO: si precisa inoltre che, a seguito del DPCM di Febbraio, gli spostamenti tra Regioni, anche tra zone dello stesso colore, sono vietati fino al 27 Marzo 2021.

In ogni caso, rimane sempre consentito il rientro nel Comune in cui si ha la residenza, il domicilio o in cui si abita con continuità o periodicità.

_____________________________________________________________________________________________________________________

FISCO E TASSE  

E’ vero che sono sospesi i versamenti?
Si, è sospeso il versamento delle ritenute d’acconto dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria. I versamenti sono sospesi fino al 31 maggio 2020. Il pagamento dei versamenti sospesi potrà essere effettuato, senza alcuna applicazione di sanzioni, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020, o tramite rateizzazione fino ad un massimo di 5 rate mensili di pari importo, sempre a decorrere dal mese di giugno 2020.

Sono un lavoratore autonomo ed ho avuto un calo elevato di fatturato, in questo caso sono previste  agevolazioni per gli adempimenti fiscali?
Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato è prevista la sospensione dei versamenti di Iva, ritenute e contributi per i mesi di aprile e maggio, in aggiunta a quelle già previste con il “Cura Italia”, in caso di calo di fatturato di almeno il 33% per ricavi/compensi sotto i 50 milioni e di almeno il 50% sopra tale soglia.

Ho una piccola impresa la cui attività è iniziata da poco, da giugno 2019, posso usufruire di agevolazioni?
Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato che hanno iniziato ad operare dal 1° aprile 2019 è prevista la sospensione dei versamenti di Iva, ritenute e contributi per i mesi di aprile e maggio

Devo presentare la Certificazione Unica, la data di scadenza qual è?
È stato prorogato il termine di scadenza per l’invio della Certificazione Unica al 30 aprile 2020.

Cosa accade per gli altri adempimenti fiscali?
È sospeso ogni altro adempimento fiscale con scadenza tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020. In particolare, per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato sono sospesi gli adempimenti tributari diversi dai versamenti e diversi dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale. Gli adempimenti sospesi andranno effettuati entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto-legge del 16 Marzo 2020, sono sospesi i versamenti da autoliquidazione che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020:
a) relativi alle ritenute alla fonte di cui agli articoli 23 e 24 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e alle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d'imposta;
b) relativi all’imposta sul valore aggiunto;
c) relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, e ai premi per l'assicurazione obbligatoria. La scadenza per l’effettuazione di tali versamenti è stata prorogata al 16 Settembre 2020.


MUTUI, FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI

Sono un lavoratore autonomo a partita IVA o titolare di una microimpresa. A seguito dello stop dell’attività produttiva, necessito di un urgente sostegno di liquidità. Sono previste agevolazioni in tal senso?
Sì, il “Decreto Liquidità” del Governo ha previsto nuove forme di garanzia a sostegno delle richieste di finanziamento da parte dei lavoratori autonomi, titolari di partita IVA, e delle microimprese. La nuova normativa prevede la garanzia diretta dello Stato a sostegno delle richieste di finanziamento per importi non superiori ai 25000 €, con restituzione fino a 6 anni e inizio del rimborso non prima di 18/24 mesi. La procedura di ottenimento della somma è inoltre agevolata, senza alcun controllo del merito di credito, e con garanzia sul 100% dell’importo da parte dello Stato, al netto dei costi accessori.
La somma richiesta non deve però essere superiore al 25% del fatturato dichiarato nell’ultimo bilancio dal beneficiario del finanziamento.

È prevista una sospensione per il pagamento dei mutui?
Il Decreto prevede la sospensione delle rate del mutuo sulla prima casa per chi è in difficoltà, estesa anche agli autonomi. In questo secondo caso, la sospensione è prevista per le partite Iva che come conseguenza della crisi autocertifichino di aver perso, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, oltre il 33% del proprio fatturato rispetto all'ultimo trimestre 2019. La misura, che sarà in vigore per 9 mesi come estensione di quanto già prevede il Fondo Gasparrini, non prevede obbligo di presentare l’Isee e sarà finanziata con 500 milioni.

Sono un lavoratore dipendente in cassa integrazione e devo pagare il mutuo per l’immobile in cui abito, ci sono agevolazioni?
Il Decreto attuativo del Ministro dell’Economia e delle Finanze inerente la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa prevista dal Decreto Cura Italia (il cd “fondo Gasparrini”), ha esteso ai lavoratori dipendenti se hanno perduto il lavoro o cassintegrati e ai lavoratori autonomi titolari di un mutuo contratto per l’acquisto della prima casa, che siano nelle situazioni di temporanea difficoltà, la possibilità di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate fino a 18 mesi, senza alcun vincolo di situazione reddituale e patrimoniale legata all’ISEE.
Coloro che sono in possesso dei requisiti previsti per l’accesso al Fondo devono presentare la domanda alla banca che ha concesso il mutuo, con la nuova modulistica aggiornata e semplificata rispetto alla precedente.

Il mutuo/finanziamento che avevo sottoscritto non rientra tra quelli che possono beneficiare del Fondo Gasparrini. Sono previste delle misure specifiche?
A seguito dell’accordo raggiunto tra ABI e le Associazioni dei Consumatori è stata ampliata la categoria di mutui e finanziamenti che possono beneficiare della sospensione del pagamento delle rate fino a 12 mesi, pur mantenendo i requisiti già previsti dai precedenti DPCM e necessari all’accesso da parte dei beneficiari.

Fanno parte di questa nuova categoria:

  • Mutui garantiti da ipoteche su immobili non di lusso erogati prima del 31 Gennaio 2020 a persone fisiche per ristrutturazione degli stessi immobili ipotecati, liquidità o acquisto di immobili non adibiti ad abitazione principale, che non rientrano nei benefici previsti dal Fondo Gasparrini o che, pur essendo connessi all’acquisto dell’abitazione principale, non presentano le caratteristiche idonee all’accesso del Fondo;
  • Prestiti non garantiti da garanzia reale, i cosiddetti “PRESTITI CHIROGRAFARI” (ossia prestiti personali, cessione del quinto dello stipendio/pensione, prestito di consolidamento e prestito con delega), a rimborso rateale erogati prima del 31 Gennaio 2020.

La sospensione comprende anche le eventuali rate scadute e non pagate dopo il 31 Gennaio 2020, senza alcuna applicazione di commissioni e/o interessi di mora per il periodo di sospensione (tranne nel caso in cui l’intestatario del mutuo o del finanziamento non adempia al pagamento della quota interessi prevista).

Si specifica che la normale ripresa del processo di ammortamento può avvenire anche prima della prevista scadenza dei 12 mesi, o delle mensilità concordate e previste dall’accordo, previa formale richiesta del beneficiario.

AGGIORNAMENTO: A seguito dell’accordo raggiunto tra ABI e le Associazioni dei Consumatori è stata estesa la possibilità di accedere alla moratoria fino al 31 Marzo 2021, rispetto alla precedente scadenza prevista per il 30 Gennaio.

Ho un’attività imprenditoriale sono previste agevolazioni?
Le Imprese possono avvalersi delle seguenti misure di sostegno finanziario:
a) per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, a quella di pubblicazione del presente decreto, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre 2020;
b) per i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 i contratti sono prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 30 settembre 2020 alle medesime condizioni;
c) per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso sino al 30 settembre 2020 e il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per entrambe le parti; è facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.

A seguito dell’emergenza Coronavirus, e alla sospensione dell’attività lavorativa, non riesco a pagare le rate dei finanziamenti. È prevista qualche forma di sospensione dei pagamenti?
Sì. AssoFin, l'associazione dei principali operatori bancari e finanziari del credito al consumo, ha emanato una moratoria per ufficializzare la possibilità di richiedere la sospensione dei finanziamenti a seguito dell'emergenza COVID-19.

Per accedere alla moratoria, oltre a presentare richiesta formale alla propria società finanziaria, è necessario appartenere ad una delle seguenti categorie:

  • Lavoratori dipendenti - Cessazione del rapporto di lavoro subordinato (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione); 
  • Cessazione dei rapporti di lavoro “atipici” di cui all'articolo 409, numero 3), del codice di procedura civile (ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione); 
  • Sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni (Cassa Integrazione o altri ammortizzatori sociali); 
  • Lavoratori autonomi e liberi professionisti che abbiano registrato in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, ovvero nel minor periodo intercorrente tra la data dell’istanza e la predetta data, una riduzione del fatturato superiore al 33% rispetto a quanto fatturato nell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività, operata in attuazione delle disposizioni adottate dall’autorità competente per l’emergenza coronavirus. Tale riduzione dovrà essere autocertificata con le modalità previste dalla legge; 
  • Eredi, con le caratteristiche sopra elencate, di soggetti deceduti che avessero stipulato contratti non assistiti da polizza di protezione del credito che preveda il pagamento di un indennizzo pari al capitale residuo.

Come secondo requisito, è necessario sapere che si può chiedere la sospensione del pagamento della rate dei finanziamenti stipulati fino al momento in cui è lanciata la moratoria, a condizione che l’importo finanziato sia superiore a 1.000 euro e che la durata del finanziamento sia superiore a sei mesi.

A seguito dell'accettazione dalla richiesta, la società finanziaria potrà scegliere due opzioni diverse:

  • Sospensione del pagamento dell’intera rata mensile del finanziamento per una durata fino a 6 mesi (in questa ipotesi sono previsti degli interessi, calcolati sull’importo del debito residuo al TAN contrattuale, che andranno poi rimborsati al termine del periodo di sospensione); 
  • Sospensione del pagamento della sola quota capitale fino a 6 mesi.

La scelta dell’opzione compete alla società finanziaria, ed è quindi necessario verificare tramite la propria compagnia quale delle due ipotesi sia percorribile.

AGGIORNAMENTO: A seguito di una riunione del Consiglio Direttivo, e dell’accordo raggiunto con le Associazioni dei Consumatori, AssoFIN ha ufficialmente deciso di estendere la possibilità di accedere alla moratoria sui finanziamenti fino al 31 Marzo 2021.

Ho gravi difficoltà economiche e non ho più un reddito da lavoro stabile. Sono previsti strumenti di tutela per la mia situazione?
Il nuovo decreto “Rilancio” ha previsto una misura straordinaria di sostegno ai nuclei familiari, che va ad affiancarsi al Reddito di Cittadinanza, chiamata “Reddito di Emergenza” (REM).
Tale misura, per essere ottenuta, prevede il rispetto dei seguenti requisiti:
- residenza in Italia, verificata con riferimento al componente che ne fa richiesta;
- un valore del reddito familiare, nel mese di Aprile, inferiore al REM spettante;
- valore del patrimonio mobiliare familiare 2019 inferiore a € 10000, accresciuto di € 5000 per ogni componente successivo al primo (fino a un massimo di € 20000, o € 50000 nel caso in cui sia presente nel nucleo familiare una persona con disabilità grave o non autosufficiente);
- valore dell’ISEE inferiore a € 15000.

Il valore base del REM è pari a € 400, a cui si moltiplica un coefficiente di 1 a cui si aggiunge lo 0.4 per ogni componente del nucleo familiare (fino ad un massimo di 2.1). La soglia massima del REM è quindi pari a € 800.

Tale misura NON può essere richiesta nei casi in cui:
- si percepisca già il Reddito di Cittadinanza;
- si sia titolari di una pensione diretta o indiretta, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
- si è titolari di un rapporto di lavoro dipendente, la cui retribuzione lorda sia superiore agli importi previsti del REM.


BONUS PER LE FAMIGLIE

Nel Decreto Rilancio è stato approvato il cosiddetto “Ecobonus 110%” per gli interventi di ristrutturazione degli immobili. In cosa consiste esattamente? E chi può accedervi?
La nuova misura introdotta con il Decreto Rilancio per agevolare i lavori di ristrutturazione degli immobili, chiamata “Ecobonus 110%”, consiste nella possibilità di ottenere più del 100% della somma dovuta per la ristrutturazione del proprio stabile, o di quello condominiale, sotto forma di sconto in fattura, di cessione del credito o di sconto sulla quota annuale IRPEF (in 5 rate annuali di pari importo). Per poter usufruire del bonus è però necessario che venga garantito il miglioramento di almeno 2 classi energetiche, dimostrato con l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) rilasciato da un tecnico abilitato. Gli interventi di adeguamento antisismico, anch’essi rientranti nel bonus, danno inoltre diritto ad una detrazione del 90% sull’acquisto di una polizza assicurativa anticalamità. Gli interventi coperti dal suddetto credito d’imposta sono:
1) Cappotto termico, per un limite massimo di spesa che va da 30000 a 50000 € (in base al tipo di edificio o unità abitativa che viene ristrutturata);
2) Interventi sulle parti comuni degli edifici allo scopo di migliorare la classe energetica, per un limite massimo di spesa che va da € 15000 (moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità familiari), a € 20000 (moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da meno di otto unità familiari), fino ad arrivare a € 30000 (per gli edifici unifamiliari);
3) Interventi cosiddetti “trainanti”, come ad esempio quelli relativi al montaggio di pannelli solari e/o di accumulatori di energia ad essi collegati;
4) Tutti gli interventi previsti dal vecchio “Ecobonus”.

Hanno diritto ad accedere al suddetto bonus:
a) i condomini;
b) le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, arti e professioni, su unità immobiliari;
c) gli Istituti autonomi case popolari (IACP);
d) le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;
e) le organizzazioni non lucrative di utilità sociale;
f) le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle provincie autonome di Trento e Bolzano;
g) le associazioni sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.
Si specifica infine che il credito ottenuto tramite “Ecobonus 110%” può essere ceduto in favore dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi; agli istituti di credito e intermediari finanziari; oppure ad altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti).
Per la modulistica e gli approfondimenti si rimanda alla pagina ufficiale dell’Agenzia delle Entrate: ECOBONUS 110%

In cosa consiste il “Bonus Mobili ed Elettrodomestici”?
Il “bonus mobili ed elettrodomestici” consiste in una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione, a patto che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni. Per ottenerlo è necessario indicare le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi persone fisiche).

In cosa consiste il bonus per l’acquisto di caldaie e stufe a pellet?
Il “Bonus Caldaie e Stufe a Pellet” consiste in una detrazione IRPEF, collegata sia al “superbonus 110%” che alla questione “ecobonus”, la quale può essere del 50% del valore, se l’acquisto è parte di un intervento di ristrutturazione, o del 65%, se si acquista una caldaia a condensazione o sistemi di termoregolazione evoluti (classe V, VI o VII) con l’obiettivo di eseguire un’operazione di risparmio energetico. Tale bonus può essere richiesto dal proprietario dell’immobile o dall’affittuario a patto che il pagamento avvenga tramite mezzi tracciabili e si conservino i documenti rilasciati dal tecnico.
Per ottenerlo è necessario inviare all’ENEA, entro 90 giorni dall’installazione, la scheda informativa degli interventi e l’attestazione della classe energetica. L’Agenzia delle Entrate provvederà poi a erogare l’agevolazione in 10 rate annuali di pari importo.

In cosa consiste il “Bonus Condizionatori”?
Il “Bonus Condizionatori” consiste in una detrazione IRPEF che spetta a tutti quei soggetti che decidono di acquistare oppure sostituire i propri condizionatori con uno a pompa di calore a risparmio energetico (classe A+++), sia con che senza ristrutturazione. Lo sconto può essere del 50%, se acquistato nell’ambito di una ristrutturazione, o del 65%, se si acquista un nuovo condizionatore a pompa di calore ad alta efficienza energetica per sostituire uno di classe inferiore. Tale bonus può essere richiesto dal proprietario dell’immobile o dall’affittuario a patto che il pagamento avvenga tramite mezzi tracciabili e si conservino i documenti rilasciati dal tecnico. Per ottenerlo è necessario inviare comunicazione all’ENEA, entro 90 giorni dal termine dei lavori, e indicare l’acquisto del condizionatore nella propria dichiarazione dei redditi. L’Agenzia delle Entrate provvederà poi a erogare l’agevolazione in 10 rate annuali di pari importo.

In cosa consiste il “Bonus Mobilità” per l’acquisto di biciclette e monopattini elettrici?
Il “Bonus Mobilità” consiste in un contributo pari al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, nonché veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad es: monopattini, hoverboard e segway), oppure per l’utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture. Si potrà ottenere dal 3 Novembre previa registrazione sull’applicazione web dedicata al “Programma Sperimentale Buono Mobilità 2020”. Tale bonus non può comunque essere superiore a € 500.

In cosa consiste il “Bonus per PC & Internet”? E come si può richiedere?
 Il “Bonus per PC & Internet” è concesso alle famiglie con un ISEE inferiore a € 20000 (bonus € 500) oppure inferiore a € 50000 (bonus € 200) per l'attivazione di una connessione ad internet dai 30 mega in su. Il bonus PC non è però relativo ad un acquisto libero del consumatore ma viene erogato da determinati operatori telefonici per un PC in comodato d’uso al cliente. È quindi necessario informarsi attraverso il proprio operatore di linea fissa e richiedere informazioni circa le modalità di utilizzo e i vari PC e/o tablet ottenibili in comodato.

Sarà ancora attivo il “Bonus Cultura” per i neo 18enni?
Sì, anche per tutti i nati nel 2002 che quest’anno compiono 18 anni sarà concesso il “Bonus Cultura”. A differenza degli anni scorsi, però, l’importo del bonus sarà ridotto, passando a € 300; tale importo sarà spendibile per l’acquisto di libri, corsi, spettacoli e concerti (sia nei negozi fisici che in quelli online). Per ottenerlo è necessario essere in possesso della SPID e registrarsi sul sito “18App”.

Sarà ancora attivo il “Bonus Docenti”?
Sì, anche per quest’anno sarà riproposto il cosiddetto “Bonus Docenti”, attraverso la “Carta del Docente”. Il suddetto incentivo, riservato a tutti i docenti delle scuole superiori, anche quest’anno consisterà nell’erogazione di € 500 per ogni anno scolastico. Tale cifra è spendibile sia presso negozi fisici che online per acquistare libri, abbonamenti a riviste, pc, tablet, corsi, spettacoli e per l’aggiornamento professionale più in generale.

In che cosa consiste il “Bonus TARI”? E chi può richiederlo?
Disposto attraverso la Delibera ARERA del 5 Maggio 2020, il “Bonus TARI” è a discrezione degli Enti Locali. Il parametro da rispettare, in caso di applicazione da parte degli Enti Locali, sarà l’ISEE pari o inferiore a € 8265. Vengono considerate “utenze domestiche disagiate” anche le famiglie con i seguenti requisiti:
1) famiglie con almeno 4 figli a carico e ISEE non superiore a € 20000;
2) nucleo titolare di reddito o pensione di cittadinanza;
3) nei casi di grave malattia, per cui la vita del soggetto dipende dall’uso di apparecchiature mediche alimentate con energia elettrica.
È quindi necessario informarsi presso il proprio Comune o Regione, in modo da poter ottenere informazioni dettagliate sulle soglie ISEE e se è possibile farne richiesta.

Ho sentito che sono state modificate le soglie per l’accesso al “Bonus Luce, Gas e Acqua”. Come sono state cambiate? Posso ancora accedervi?
Attraverso la Delibera ARERA 499/2019/R/com del 3 Dicembre 2019, è stata adeguata la soglia ISEE per coloro che potranno richiedere il bonus sulle bollette di luce, gas e acqua.
Dal 2020, per ottenere i bonus, sarà necessario avere un ISEE pari o inferiore a € 8256. Vengono comunque considerate “utenze domestiche disagiate” anche le famiglie con i seguenti requisiti:
1) famiglie con almeno 4 figli a carico e ISEE non superiore a € 20000;
2) nucleo titolare di reddito o pensione di cittadinanza;
3) nei casi di grave malattia, per cui la vita del soggetto dipende dall’uso di apparecchiature mediche alimentate con energia elettrica.
È possibile richiederlo presentando richiesta formale al proprio Comune di residenza o presso un CAF. ARERA è però attualmente al lavoro per fare in modo che, dal 2021, tale bonus sia applicato automaticamente in bolletta senza che il cittadino beneficiario debba fare alcuna richiesta.

In cosa consiste il “Bonus Bebè”? E come si richiede?
Il “Bonus Bebè” consiste in un assegno compreso tra gli 80 e i 160 € al mese, per 12 mensilità, diretto a tutti i bimbi nati, adottati o presi in affido nel corso del 2020.L’importo dell’assegno mensile dipenderà dal reddito complessivo disponibile della famiglia:
1) € 80 al mese: se superiore a € 40000 annui;
2) € 120 al mese: se compreso tra € 7001 ed € 40000;
3) € 160 al mese: se pari o inferiore a € 7000.
Nel caso in cui i genitori abbiano a carico un secondo figlio, tali importi mensili vengono maggiorati del 20%.
Per richiedere il bonus è possibile accedere al sito ufficiale dell’INPS e inviare la domanda attraverso l’apposita sezione; rivolgersi al CAF; oppure telefonando al contact center dell’INPS. La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dall’ingresso del bimbo nella famiglia.

In cosa consiste il “Bonus “Mamma Domani”? E come si può richiedere?
Anche detto “Premio alla Nascita”, tale bonus di € 800 viene corrisposto dall’INPS per la nascita o l’adizione di un minore, a partire dal 1° Gennaio 2017, su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza (inizio dell’ottavo mese, ndr) o alla nascita, adozione o affidamento preadottivo. È possibile richiedere il bonus attraverso il sito dell’INPS nell’apposita sezione; rivolgendosi al CAF; oppure telefonando al contact center dell’INPS. Per quanto riguarda la documentazione occorre presentare, unitamente al modulo da compilare online, anche l’autocertificazione attestante la data di nascita del bimbo (e relative generalità). In caso di adozione, invece, occorre presentare un documento di sentenza definitiva di affido. La domanda deve essere presentata improrogabilmente entro 1 anno dal verificarsi dell’evento (nascita, adozione o affidamento).

In cosa consiste il “Bonus Asilo Nido”? Come posso richiederlo?
Il “Bonus Asilo Nido” viene riconosciuto per un massimo di € 3000 per figlio di età compresa tra 0 e 3 anni.
La cifra erogata dipende dalle fasce ISEE a cui si appartiene:
1) fino a € 1500: per le famiglie con ISEE da € 40001 e superiore;
2) fino a € 2500: per le famiglie con ISEE compreso tra € 25001 e 40000;
3) fino a € 3000: per le famiglie con ISEE fino a € 25000.
Il suddetto bonus è cumulabile anche per coloro che già percepiscono il bonus baby-sitting. È possibile richiedere il bonus attraverso il sito dell’INPS nell’apposita sezione; rivolgendosi al CAF; oppure telefonando al contact center dell’INPS.

In cosa consiste il “Bonus Affitto”? Come posso richiederlo?
Il “Bonus Affitto” viene erogato in base alle previsioni dei bandi dei singoli Comuni. Bisogna quindi tenere d’occhio le pagine web del proprio Comune di residenza e le relative delibere.
I requisiti comuni ai vari bandi sono i seguenti:
1) essere residenti nel Comune che pubblica il bando e nella casa per cui si vuole richiedere il contributo;
2) essere cittadino italiano o di uno stato UE, oppure avere regolare permesso di soggiorno;
3) essere titolare di un contratto di locazione a uso abitativo ed essere in regola con i canoni d’affitto;
4) non essere proprietario di altri immobili;
5) non essere assegnatario di alloggi popolari;
6) rispettare le soglie ISEE stabilite dal bando del Comune di appartenenza.
Il bonus può essere richiesto anche dai titolari di reddito di cittadinanza.
La domanda deve essere effettuata presso il proprio Comune di residenza.


SCUOLA

Quando riprenderanno le attività scolastiche?
In base alle disposizioni attuali, è prevista la ripresa dell’attività scolastica sul territorio nazionale a partire dal 14 Settembre 2020Alcune Regioni come Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria e Puglia, hanno deciso di programmare la riapertura in una data successiva, ossia a partire dal 24 SettembreLa Sardegna, invece, riprenderà le attività scolastiche a partire dal 22 Settembre.

È vero che i tamponi cosiddetti “rapidi” sono stati resi validi per l’attività di screening in ambito scolastico?
Sì. Facendo seguito alla circolare n.30847 del 24 Settembre 2020, il Comitato Tecnico Scientifico ha dato il via libera alla possibilità di effettuare tamponi rapidi nelle scuole. Tuttavia, nel caso in cui si registrasse un caso di positività, il Ministero della Salute ha tenuto a precisare che il test molecolare, ossia il classico tampone naso-faringeo, rimane quello di riferimento per verificare la reale presenza del virus.

Gli ultimi provvedimenti governativi hanno rimodulato le fasce di reddito relative alle tasse universitarie. Quanto dovrò pagare quest’anno?
A seguito dell’emergenza COVID, il Decreto Rilancio ha rimodulato le soglie delle tasse universitarie. La “no-tax area” vale ora per gli studenti con ISEE fino a € 20000 e, a cascata, sono state ridotte anche le tasse per le altre fasce di reddito.
Nel dettaglio:
- riduzione dell’80% con ISEE da 20001 fino a 22000 €;
- riduzione del 50% tra 22001 e 24000 €;
- riduzione del 30% tra 24001 e 26000 €;
- riduzione del 20% tra 26001 e 28000 €;
- riduzione del 10% tra 28001 e 30000 €.
Per gli studenti universitari fuori sede è stata anche prevista la possibilità di portare in detrazione al 19% le spese sostenute per l’affitto fino ad un massimo di € 2633 (quindi il rimborso non supererà i 500 €).

Sarà possibile effettuare le gite scolastiche?
In base al DPCM del 7 Ottobre 2020, sono sospesi i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, con l’eccezione delle attività inerenti ai percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, assieme alle attività di tirocinio.

Con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno, sarà possibile lasciare il proprio cappotto o giubbotto appeso in aula?
In base al DPCM del 7 Ottobre 2020, e alle linee guida previste dal Ministero dell’Istruzione, non sono previste limitazioni in tal senso. Le attuali previsioni normative, stando al parere del Comitato Tecnico Scientifico, sono state ritenute più che sufficienti al contenimento del virus e non è stata ritenuta necessaria l’adozione di specifiche direttive per i suddetti indumenti.

Se volete avere un quadro chiaro e ampio riguardante la ripresa delle scuole, e tutte le novità introdotte, vi invitiamo a leggere la nostra “Guida alla Scuola che Riparte”


SPORT E TEMPO LIBERO

È possibile effettuare attività sportiva individuale all’aperto?
A seguito del DPCM 24 Ottobre 2020, rimane consentita l’attività sportiva individuale all’aperto. Permane comunque l’obbligo di rispettare le norme di distanziamento sociale: almeno 2 metri, se si tratta di attività sportiva, e di almeno 1 metro, se si tratta di attività motoria.

È possibile portare mio figlio a giocare nei parchi pubblici o nelle aree gioco per bambini?
In base al DPCM del 18 Ottobre 2020 sarà possibile portare i propri figli, di età compresa tra 0 e 17 anni, sia nei parchi pubblici che nelle aree gioco per bambini, a patto che sia presente con loro un genitore o un accompagnatore adulto che vigili sull’effettivo rispetto delle norme di distanziamento sociale anti-COVID. Permane il divieto di effettuare sport di gruppo e assembramenti.

Sono credente e vorrei partecipare nuovamente alle funzioni religiose. Quando sarà possibile?
In base al Protocollo del 7 Maggio 2020, si potrà nuovamente partecipare alle funzioni religiose di qualsiasi confessione religiosa. Permane l’obbligo di rispettare le disposizioni riguardante il distanziamento sociale, assieme a quelle igienico-sanitarie, per evitare la diffusione del COVID.

Quando sarà possibile tornare a vedere gli spettacoli nei cinema e/o nei teatri?
In base al DPCM del 16 Gennaio, cinema e teatri saranno ancora chiusi almeno fino al 5 Marzo 2021.

Quando sarà possibile tornare a frequentare piscine e palestre per effettuare la normale attività fisica?
In base al DPCM del 16 Gennaio, è ancora prevista la chiusura di palestre, piscine, centri benessere, centri natatori e centri termali almeno fino al 5 Marzo 2021.

Quando sarà possibile tornare a visitare i musei?
In base al DPCM del 16 Gennaio, a partire dal 17 Gennaio e fino al 5 Marzo 2021, è prevista la riapertura dei centri museali nelle Regioni che presentano un livello “bianco” o “giallo” di rischio. Nelle altre Regioni, arancioni e rosse, permane invece la chiusura.

Pratico uno sport da contatto a livello amatoriale/dilettantistico. Posso continuare a farlo?
In base al DPCM del 24 Ottobre 2020, non sarà più possibile praticare sport da contatto (calcetto, boxe, pallavolo, etc..) a livello amatoriale e dilettantistico. Sono altresì vietate tutte le competizioni sportive di tale livello, con unica eccezione per quelle di livello agonistico.

Avevo acquistato 2 biglietti per uno spettacolo teatrale è un mio diritto chiedere il rimborso?
Si, certamente. In base al decreto del Presidente del Consiglio 8 marzo 2020 e per gli effetti dell'articolo 1463 del codice civile, ricorre la sopravvenuta impossibilità della prestazione dovuta in relazione ai contratti di acquisto di titoli di accesso per spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, e di biglietti di ingresso ai musei e agli altri luoghi della cultura.
Pertanto, i soggetti acquirenti devono presentare, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, apposita istanza di rimborso al venditore, allegando il relativo titolo di acquisto. Il venditore, entro trenta giorni dalla presentazione della istanza, provvederà all'emissione di un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro un anno dall'emissione.

È vero che sono stati introdotti limitazioni di orario all’apertura di ristoranti, bar e pub?
Sì. In base al DPCM del 24 Ottobre 2020, le attività di ristorazione dovranno osservare delle limitazioni per quanto riguarda gli orari di apertura. Nello specifico: le attività che forniscono consumazione al tavolo (bar, ristoranti, pub e pasticcerie) potranno rimanere aperte dalle ore 05:00 alle ore 18:00. Non sarà inoltre possibile essere allo stesso tavolo in più di 4 persone, a patto che queste siano tutte conviventi.
Rimane consentita la ristorazione da asporto e/o a domicilio fino alle ore 24, nel rispetto dei protocolli di sicurezza attualmente vigenti, a patto che non vengano consumati i pasti sul posto o nelle vicinanze adiacenti.
Non sono invece previste limitazioni di orario per quanto concerne le aree di ristorazione e rifornimento sulle autostrade.

In base al DPCM del 3 Novembre 2020 sono però stati introdotte ulteriori limitazioni per le attività di ristorazione locate nelle zone “arancioni” e “rosse”. Nel dettaglio:

  • viene prevista la chiusura delle attività di ristorazione 7 giorni su 7;
  • rimane però prevista la possibilità di operare attraverso l’asporto, fino alle ore 22, e tramite consegne a domicilio, per le quali non sono previste restrizioni di orario.

AGGIORNAMENTO: in base al DPCM del 16 Gennaio, è stato vietato l’asporto di bevande alcoliche dai bar fino al 5 Marzo 2021.

Volevo organizzare una festa per il mio compleanno. È possibile?
In base al DPCM del 16 Gennaio, sono vietate le feste sia nei luoghi al chiuso che all’aperto almeno fino al 5 Marzo 2021.

Volevo organizzare una cerimonia. È possibile?
In base al DPCM del 14 Gennaio, le feste collegate alle cerimonie civili o religiose sono sospese almeno fino al 6 Marzo 2021.


VIAGGI

Ho chiesto il rimborso del biglietto di viaggio ma la compagnia si è rifiutata di erogarlo, affermando che non sussisto i motivi di “sopravvenuta impossibilità”. Quali sono i miei diritti? E quali sono i motivi di “sopravvenuta impossibilità”?
Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1463 del codice civile, ricorre la “sopravvenuta impossibilità” della prestazione dovuta in relazione ai contratti di trasporto aereo, ferroviario, marittimo, nelle acque interne o terrestre stipulati:
a) dai soggetti nei confronti dei quali è stata disposta la quarantena con sorveglianza attiva ovvero la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva da parte dell'autorità sanitaria competente, in attuazione dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con riguardo ai contratti di trasporto da eseguirsi nel medesimo periodo di quarantena o permanenza domiciliare;
b) dai soggetti residenti, domiciliati o destinatari di un provvedimento di divieto di allontanamento nelle aree interessate dal contagio, come individuate dai decreti adottati dal Presidente del Consiglio dei ministri ai sensi dell’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con riguardo ai contratti di trasporto da eseguirsi nel periodo di efficacia dei predetti decreti;
c) dai soggetti risultati positivi al virus COVID-19 per i quali è disposta la quarantena con sorveglianza attiva ovvero la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva da parte dell'autorità sanitaria competente ovvero il ricovero presso le strutture sanitarie, con riguardo ai contratti di trasporto da eseguirsi nel medesimo periodo di permanenza, quarantena o ricovero;
d) dai soggetti che hanno programmato soggiorni o viaggi con partenza o arrivo nelle aree interessate dal contagio come individuate dai decreti adottati dal Presidente del Consiglio dei ministri ai sensi dell’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con riguardo ai contratti di trasporto da eseguirsi nel periodo di efficacia dei predetti decreti;
e) dai soggetti che hanno programmato la partecipazione a concorsi pubblici o procedure di selezione pubblica, a manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, a eventi e a ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico, annullati, sospesi o rinviati dalle autorità competenti in attuazione dei provvedimenti adottati ai sensi dell’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con riguardo ai contratti di trasporto da eseguirsi nel periodo di efficacia dei predetti provvedimenti;
f) dai soggetti intestatari di titolo di viaggio, acquistati in Italia, avente come destinazione Stati esteri, dove sia impedito o vietato lo sbarco, l’approdo o l’arrivo in ragione della situazione emergenziale epidemiologica da COVID-19.

Per richiedere il rimborso, i soggetti indicati comunicano al vettore il ricorrere di una delle situazioni di cui al medesimo comma, allegando il titolo di viaggio e, nell’ipotesi di cui alla lettera e), la documentazione attestante la programmata partecipazione ad una delle manifestazioni, iniziative o eventi indicati nella medesima lettera e). Tale comunicazione è effettuata entro trenta giorni decorrenti:
a) dalla cessazione delle situazioni di cui alle lettere da a) a d);
b) dall’annullamento, sospensione o rinvio del corso o della procedura selettiva, della manifestazione, dell’iniziativa o dell’evento, nell’ipotesi di cui alla lettera e);
c) dalla data prevista per la partenza, nell’ipotesi di cui alla lettera f).

Il vettore, entro quindici giorni dalla comunicazione, procederà al rimborso del corrispettivo versato per il titolo di viaggio, oppure all’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro 18 mesi dall’emissione, al termine dei quali dovrà procedere al rimborso in denaro se il voucher resterà inutilizzato.

Ho acquistato un pacchetto per una meta turistica ma, a causa dell’emergenza, non potrò partire. Quali sono i miei diritti nel richiedere il rimborso?
E’ possibile esercitare, ai sensi dell’articolo 41 del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79, il diritto di recesso dai contratti di pacchetto turistico da eseguirsi nei periodi di ricovero, di quarantena con sorveglianza attiva, di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva ovvero di durata dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 nelle aree interessate dal contagio come individuate dai decreti adottati dal Presidente del Consiglio dei ministri ai sensi dell’articolo 3 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6. In caso di recesso, l'organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore, può procedere al rimborso nei termini previsti dai commi 4 e 6 dell’articolo 41 del citato decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79, oppure può emettere un voucher, da utilizzare entro 18 mesi dalla sua emissione, di importo pari al rimborso spettante, al termine dei quali dovrà procedere al rimborso in denaro se il voucher resterà inutilizzato..

Ho richiesto il rimborso e la compagnia mi ha proposto un voucher. Quali sono i miei diritti?
Il “Decreto Rilancio” ha previsto che, ad eccezione dei casi in cui non sia possibile ottenere il rinvio dell’evento, venga emesso a titolo di rimborso un voucher di pari importo, spendibile entro 18 mesi dall’emissione. Allo scadere di tale data, nel caso in cui questo non venga utilizzato, la compagnia ha l’obbligo di rimborsare l’importo previsto dal voucher in denaro.


GIUSTIZIA

Accesso, carceri e immigrazione

Quali sono le misure previste per la Giustizia nella Fase 2?
Con il recente Decreto-legge 30 aprile 2018, n. 28 è stata spostata al 31 luglio 2020 la data di cessazione del periodo di “emergenza sanitaria”.  Di conseguenza dal 12 maggio 2020 al 31 luglio 2020 è individuato un periodo di graduale ripresa dell’attività degli uffici giudiziari e durante il quale i Capi degli Uffici giudiziari dovranno adottare le misure organizzative, anche relative alla trattazione degli affari giudiziari, necessarie per consentire il rispetto delle indicazioni igienico-sanitarie fornite dall’Autorità sanitaria e indicate dal Governo.

In questa Fase 2 ripartirà l’attività giudiziaria?
L’attività giudiziaria ripartirà in maniera graduale e riprenderà lo svolgimento delle udienze, cercando di modulare quantitativamente la  presenza di personale amministrativo e di magistratura negli uffici e tenendo conto di tutte le norme igienico-sanitarie previste in base alle nuove esigenze.  

Che cosa si stabilisce per lo svolgimento delle udienze?
L’attività giurisdizionale in ripresa, dal 12 maggio al 31 luglio 2020, sarà regolata da apposite linee guida da emanarsi dai responsabili degli Uffici giudiziari, sulla base di verifiche e di intese con l’autorità sanitaria locale competente e le istituzioni locali, in primis i Consigli dell’ordine degli avvocati. Le linee guida potranno prevedere, ad esempio, la limitazione dell’accesso del pubblico agli uffici giudiziari, salvo che per le attività urgenti; la limitazione dell’orario di apertura al pubblico degli uffici; la regolamentazione dell’accesso ai servizi, previa prenotazione, anche tramite mezzi di comunicazione telefonica o telematica.
Continuerà ad essere privilegiata la possibilità di informatizzazione e remotizzazione di attività e fasi procedimentali o processuali in pendenza di emergenza COVID-19 sino al 31 luglio prossimo.
Qui maggiori informazioni sulla ripresa delle attività nei vari territori: https://www.gnewsonline.it/le-disposizioni-nei-tribunali-per-la-ripresa-dellattivita-giudiziaria/
Qui le indicazioni per gli Uffici giudiziari: https://www.gnewsonline.it/fase-2-contro-il-coronavirus-le-indicazioni-per-gli-uffici-giudiziari/

Sono previste nel decreto misure per la gestione degli istituti penitenziari e degli istituti per i minorenni?
In attesa delle nuove disposizioni per la gestione della Fase 2 anche negli istituti penitenziari, i precedenti decreti hanno previsto misure obbligatorie e facoltative per i detenuti , internati o in custodia cautelare. In particolare,  in relazione ai colloqui con i famigliari e, in generale, con l’esterno, le misure riguardano:
-  la sospensione dal 9 marzo  al 22 marzo 2020 dei colloqui dei detenuti, internati o soggetti;
- i colloqui telefonici possono essere autorizzati anche oltre il limite previsto dalla normativa vigente. Secondo le previsioni legislative i detenuti, internati o soggetti in custodia cautelare previa autorizzazione, possono telefonare ai loro famigliari più volte e per un periodo di tempo più lungo;
- i colloqui a distanza: laddove possibile e laddove l’amministrazione penitenziaria e minorile sia dotata degli strumenti, delle apparecchiature e dei collegamenti ad internet necessari, i colloqui con famigliari, congiunti e conviventi possono svolgersi a distanza;
- i procedimenti penali e le udienze possono svolgersi se necessario a porte chiuse fino al 30 giugno 2020. Dal 9 marzo al 30 giugno, la partecipazione a qualsiasi udienza delle persone detenute, internate o in stato di custodia cautelare è assicurata, ove possibile, mediante videoconferenze o con collegamenti da remoto individuati e regolati con provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi e automatizzati del Ministero della giustizia.
Tra le misure facoltative, la magistratura di sorveglianza può sospendere, fino al 31 maggio 2020, la concessione di permessi premio o il regime di semi- libertà.

Cosa si prevede per i permessi di soggiorno?
La legge di conversione del Decreto Cura Italia (Legge n.27 del 24.4.2020) proroga la validità di tutti i permessi di soggiorno al 31 agosto 2020 a tutti gli effetti di legge.
Sono prorogati al 31 agosto anche:
• i termini per la conversione dei permessi di soggiorno da studio a lavoro subordinato e da lavoro stagionale a lavoro subordinato non stagionale;
• le autorizzazioni al soggiorno (visti di ingresso, etc.);
• i titoli di viaggio;
• la validità dei nulla osta rilasciati per il lavoro stagionale, per il ricongiungimento familiare, per il lavoro - casi particolari, tra cui ricerca, blue card, trasferimenti infra-societari, etc.;
• i permessi di soggiorno per lavoro subordinato, attesa occupazione, lavoro autonomo, famiglia, tirocinio, ricerca lavoro o imprenditorialità di studenti;
• le richieste di conversione.
I permessi di soggiorno per lavoro stagionale, in scadenza tra il 23 febbraio e il 31 maggio 2020, sono invece prorogati al 31 dicembre 2020.

Cosa si prevede per le domande per la cittadinanza italiana?
Per i procedimenti in materia di cittadinanza per matrimonio e per residenza è prevista la sospensione dei termini per la conclusione dei procedimenti fino al 15 maggio 2020. Restano altresì sospesi gli ulteriori termini connessi alle fasi propedeutiche all'adozione dei provvedimenti finali, quali ad esempio la convocazione dei richiedenti in Prefettura.
La sospensione è stata già attivata nel sistema informatico di cittadinanza Sicitt sul portale del Ministero dell’Interno per i procedimenti di cittadinanza per residenza e per matrimonio dall'estero, di competenza del Dipartimento e di quelli per matrimonio in Italia, di competenza delle Prefetture.

Cosa succede per i certificati richiesti anche al proprio Paese di origine ora in scadenza?
Con riguardo alle certificazioni, anche del Paese di origine purché tradotte e legalizzate o con apostille, prodotte dai richiedenti la cittadinanza nell'ambito dei procedimenti per matrimonio e per residenza, è prevista la proroga della loro validità fino al 31 luglio 2020.

E per le domande di cittadinanza presentate al proprio Comune?
Rientrano nella prevista sospensione anche i termini connessi ai procedimenti di acquisto della cittadinanza che esulano dalla competenza del Dipartimento e appartengono a quella degli Ufficiali di Stato civile in Italia e all'estero. Pertanto, la sospensione dei termini fino al 15 maggio 2020 riguarda anche le domande di cittadinanza presentate al proprio Comune di residenza. È il caso dei neo maggiorenni nati in Italia e il giuramento dei neo cittadini entro sei mesi dal decreto di concessione: in questi casi non si calcola il tempo trascorso tra il 23 febbraio e il 15 maggio 2020.

Per approfondimenti:
Permessi di soggiorno e altre richieste da parte degli Stranieri: per gli aggiornamenti visita il sito della Polizia di Stato. 
Cittadinanza italiana: dal 10 marzo, per contingenti situazioni organizzative, l'attività di informazioni al pubblico dell'ufficio cittadinanza è sospesa a tempo indeterminato in alcune Prefetture. Eventuali informazioni sullo stato delle pratiche potranno essere richieste per mezzo degli altri canali indicati  dalle Prefetture nei rispettivi siti web.
Per tutte le informazioni, consultare il sito del Ministero dell’Interno

 

 

 

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti